Stefano Della Torre, vincitore del 1° Memorial Angelo Lo Coco di biliardo.
Stefano Della Torre, vincitore del 1° Memorial Angelo Lo Coco di biliardo.

MANDELLO – Stefano Della Torre, nazionale professionista, portacolori del C.S.B. “Chalet” di Ternate (Varese), è il vincitore del 1° Memorial Angelo Lo Coco di biliardo (5 birilli, specialità all’italiana) organizzato dal C.S.B. “La Dolce vita” di Mandello.

Al termine di una partita combattuta e ben giocata da entrambi i pretendenti al successo finale, nel tardo pomeriggio di sabato 2 aprile Della Torre ha sconfitto Salvatore Gambino, Master del “Club L’Angolo 50” di Gallarate (sempre in provincia di Varese).

In semifinale i due avevano avuto ragione rispettivamente di Luca Marzio Garavaglia (come Gambino lui pure Master nazionale), del “Centro Sportivo Biliardo Sant’Angelo 2014” di Lodi, e del mandellese Davide Donini, giocatore di Prima categoria della “Dolce vita”.

Arbitro della finale, che aveva visto un’ottima partenza di Gambino, è stato Paolo Zuffi.

Della Torre si è aggiudicato lo scorso anno il campionato europeo a squadre. Nel suo palmarès figurano altresì due titoli italiani di Prima categoria vinti nel 1994 e nel 2006. Due anni dopo fu vicecampione italiano e nel 2009 si aggiudicò con Ferrario il titolo nazionale a coppie tra i professionisti.

Prima della cerimonia di premiazione, cui ha presenziato anche l’assessore allo Sport Serenella Alippi, Maurizio Riviera ha tratteggiato la figura e la personalità di Lo Coco. “Dodici anni fa Angelo rilevava questa attività – ha detto Riviera, anima della “Dolce vita” e organizzatore di prestigiosi tornei – e da allora determinazione e saggezza sono state le qualità che hanno caratterizzato la sua gestione”.

 

Biliardo_Memorial-Lo-Coco_2016 (15)

 

Saggezza, appunto, la stessa che Riviera ha detto di avere ricevuto quasi in eredità da Angelo. “Io facevo voli pindarici – ha specificato – e lui mi riportava con i piedi per terra e mi faceva pensare a dove si poteva effettivamente arrivare”. “Sì, ho imparato molto da lui – ha concluso – e sono fiero di essere stato tra l’altro il suo ultimo capitano. Ora i figli Stefano ed Emanuele hanno dimostrato di saper seguire la sua strada”.

Stefano ed Emanuele erano lì ad ascoltare. Accanto a loro (e come loro comprensibilmente emozionata) Anna, compagna di Lo Coco nella vita di ogni giorno.

Negli stessi giorni del Memorial Lo Coco, a Mandello è andato in scena anche il 6° Memorial Pasquale Solimine per giocatori di Terza categoria, che si concluderà oggi, domenica 3 aprile.

I due tornei hanno richiamato al Circolo “La Dolce vita” 250 giocatori provenienti non soltanto dalla Lombardia ma anche dalle province di Novara, Torino e Vercelli. Una piacevole sorpresa, questa, per gli stessi organizzatori e la conferma che Mandello – pur non particolarmente vicino, quanto a collocazione geografica, ai luoghi in cui il biliardo trova terreno più fertile – esercita con la “Dolce vita” un richiamo sempre più forte tra gli appassionati di questo gioco.

 

Biliardo_Memorial-Lo-Coco_2016 (2)

 

Nel frattempo è già tempo di primi bilanci per le tre squadre del Circolo mandellese impegnate nei rispettivi campionati provinciali. In serie B (girone A), a due giornate dalla fine della fase a gironi, la “Dolce vita”del capitano Stefano Lo Coco guida la classifica con sei punti di vantaggio sul “Carlo 2” di Merone.

Primo posto anche per la “Dolce vita 2” (capitano è Gabriele Riccardi) nel girone A di serie C. Il “Lucas’s Club 3” di Cantù, secondo in classifica, è distanziato di ben otto punti dopo che lo scontro diretto di venerdì 1° aprile si è risolto a favore dei mandellesi, che hanno così “vendicato” la sconfitta (prima e fin qui unica della stagione) subìta in casa all’andata.

Infine la squadra impegnata nel girone C sempre di serie C, ora capitanata da Rosario Cavarretta. La “Dolce vita 1”, sconfitta nell’ultimo turno a Sovico, occupa la quinta posizione con 33 punti, peraltro a soli 4 punti dalla terza in classifica quando mancano ancora tre giornate alla fine della fase a gironi.