Festa a sorpresa e il “grazie” di Mandello al luogotenente Minniti

Tempo di lettura: 3 minuti

Saluto_luogotenente-Francesco-Minniti_Mandello (15)

 

MANDELLO – Una festa a sorpresa per lui ma anche per gli stessi invitati, molti dei quali non erano al corrente della “scaletta” della serata. Una festa per salutare il luogotenente Francesco Minniti, che a inizio settimana ha lasciato il comando della stazione carabinieri di Mandello, da lui assunto nel gennaio 2001, destinazione il Comando legione Cc di Milano, dove appunto da martedì scorso presta servizio presso l’Ufficio autodrappello con l’incarico di responsabile dell’autoparco.

Una festa voluta da alcuni esponenti della realtà imprenditoriale mandellese e a cui hanno presenziato rappresentanti delle istituzioni, delle associazioni di categoria, di vari settori produttivi, del mondo dell’associazionismo e autorità religiose.

C’erano, tra gli altri, i sindaci di Mandello, Abbadia Lariana e Lierna Riccardo Fasoli, Cristina Bartesaghi ed Edoardo Zucchi (con alcuni assessori delle rispettive giunte), l’assessore del Comune di Lecco Corrado Valsecchi, il comandante della polizia locale commissario Mario Modica, gli imprenditori Cristina Gilardoni e Luigi Gilardoni, Giorgio Colombo per il comparto dell’edilizia, il direttore del Dipartimento cure primarie dell’ATS Brianza (ex Asl di Lecco) Valter Valsecchi, il parroco del “Sacro Cuore”  don Pietro Mitta e don Luigi Prandi, mandellese, parroco a Vassena di Oliveto Lario.

 

Saluto_luogotenente-Francesco-Minniti_Mandello (28)

 

Una festa cordiale e spontanea, ma soprattutto una festa in amicizia quella che si è tenuta ieri sera alla pasticceria Amerigo, con il luogotenente Minniti a stringere molte mani e a ricevere gli auguri per il suo nuovo incarico nel capoluogo lombardo. Ma, prima ancora, il “grazie” degli intervenuti per il lavoro svolto in questi anni a Mandello e sul territorio.

“La ringraziamo per la sollecitudine e l’attenzione con le quali ha seguito queste nostre comunità”, ha detto don Luigi Prandi, che ha poi paragonato il ruolo del comandante di una stazione carabinieri a quello del mozzo di una nave, “che dall’alto vede anche quello che altri non possono scorgere”.

“Francesco, per noi tu eri una certezza – ha affermato dal canto suo il sindaco di Mandello rivolgendosi amichevolmente a Minniti – specie in periodi come gli attuali in cui certezze ve ne sono sempre meno”. “Ti faccio i migliori auguri per la tua nuova avventura – ha aggiunto Riccardo Fasoli – e il nostro in bocca al lupo per il futuro”.

 

Saluto_luogotenente-Francesco-Minniti_Mandello (44)

 

In apertura di serata era stato proiettato un filmato sull’arma dei carabinieri che si chiudeva significativamente con l’immagine del luogotenente Minniti e la scritta “grazie”.

Poi spazio a una ricca apericena, preparata con cura dallo staff del locale di piazza della Repubblica guidato da Mina e Amerigo Alippi, custodi da oltre 40 anni di una tradizione dolciaria ispirata a princìpi semplici e genuini, e dai figli Elena e Michele, affiancati da Marzia, Michela, Veronica e Mariana.

A fine serata inevitabile il taglio di una bella torta da parte di Francesco Minniti, accompagnato da un nuovo applauso e da un ultimo “grazie”.

DI SEGUITO, NEL SERVIZIO FOTOGRAFICO DI CLAUDIO BOTTAGISI, LE IMMAGINI DELLA FESTA ORGANIZZATA A MANDELLO VENERDI’ 22 GENNAIO PER IL SALUTO AL LUOGOTENENTE FRANCESCO MINNITI