Mandello vola ai Giochi di Rio con Eros e Martino Goretti

Tempo di lettura: 3 minuti

Eros-GorettiMANDELLO – Il conto alla rovescia è iniziato. Alla 1 di sabato 6 agosto (le ore 20 di venerdì a Rio de Janeiro) vi sarà la cerimonia inaugurale della XXXI Olimpiade.

Ai Giochi brasiliani vi sarà anche Mandello. E in particolare la Canottieri Moto Guzzi. La società remiera sarà infatti presente con il suo vicepresidente Eros Goretti, per l’occasione in veste “team leader” della squadra di canottaggio ungherese.

“Ho sentito Eros domenica scorsa in aeroporto appena prima che si imbarcasse per Rio con i suoi atleti – afferma Livio Micheli, presidente della Canottieri Guzzi – e ho colto in lui un’evidente emozione che fino a quel momento era riuscito a nascondere. Da quando, lo scorso mese di maggio, a Lucerna era riuscito nell’impresa di qualificare appunto per l’Olimpiade il suo singolista e il “due senza” maschile ci eravamo già visti due o tre volte”.

“Per noi – aggiunge – la portata di questa affermazione non era sfuggita e i complimenti di tutta la società nei suoi confronti sono stati molteplici e tutti sinceri, ma per Eros sembrava che ciò fosse una cosa normale. Ebbene, domenica in aeroporto ha forse realizzato che quello che stava vivendo non era un sogno ma una grande realtà e in effetti, torno a ripetere, l’ho sentito molto emozionato. E con lui lo siamo tutti noi”.

Martino Goretti
Martino Goretti

La partecipazione a un’Olimpiade è del resto un punto di arrivo per tutti coloro che praticano un sport agonistico, così come per un allenatore. Per Goretti, 59 anni, chiamato in Ungheria soltanto lo scorso mese di novembre, essere riuscito in un lasso di tempo così breve a qualificare ben due imbarcazioni per la massima rassegna sportiva mondiale rappresenta  un motivo di vanto indiscusso.

“Ma la soddisfazione per questa impresa – torna a dire il presidente – coinvolge tutti noi, che abbiamo sempre creduto in lui e lo abbiamo sempre stimolato a credere nelle sue possibilità”.

Ai Giochi di Rio, in rappresentanza del nostro territorio e indirettamente lui pure rappresentante della Canottieri Guzzi, vi sarà anche Martino Goretti, classe 1985, figlio di Eros, componente della squadra italiana di canottaggio. Goretti, che aveva partecipato anche alle Olimpiadi di Londra del 2012 e che difende i colori delle Fiamme Oro, sarà impegnato con il “quattro senza” pesi leggeri maschile.

“Tutti noi siamo oltremodo orgogliosi di questi nostri rappresentanti – conclude Livio Micheli – e a entrambi facciamo il nostro più grande e sincero in bocca al lupo”.

I vogatori della Nazionale ungherese di canottaggio in aeroporto in attesa di imbarcarsi, destinazione Rio de Janeiro.
I vogatori della Nazionale ungherese di canottaggio in aeroporto in attesa di imbarcarsi, destinazione Rio de Janeiro.

 

Uno scorcio del villaggio olimpico.
Uno scorcio del villaggio olimpico.