La presentazio ne del Meeting internazionale di biliardo. Da sinistra Gabriele Riccardi, l'assessore Serenella Alippi, il sindaco Riccardo Fasoli, Maurizio Riviera e Renato Milani, coordinatore provinciale di Telethon.
La presentazione in sala consiliare del Meeting internazionale di biliardo. Da sinistra Gabriele Riccardi, l’assessore Serenella Alippi, il sindaco Riccardo Fasoli, Maurizio Riviera e Renato Milani, coordinatore provinciale di Telethon.

 

MANDELLO – 128 giocatori che nella prima fase si sfideranno a partire da lunedì 12 settembre suddivisi in 32 gironi all’italiana, ciascuno composto da quattro partecipanti al torneo. I primi due di ciascun girone accederanno alla seconda fase, a eliminazione diretta, con finali previste tra sabato 17 e domenica 18.

Mandello si appresta a ospitare il secondo Meeting internazionale di biliardo 5 birilli, appuntamento che richiamerà al Csb “La Dolce vita” alcuni tra i più forti giocatori in campo nazionale e internazionale. Ci sarà, tra gli altri, Andrea Quarta, pugliese d’origine, vincitore della prima edizione del prestigioso torneo.

Con lui grandi campioni non soltanto, come detto, a livello nazionale, ma anche stranieri. In particolare saranno a Mandello giocatori di Danimarca, Belgio, Lussemburgo, Argentina, Uruguay e Svizzera, oltre che della Repubblica di San Marino. Vi saranno anche alcune giocatrici.

Per tutti gli appassionati l’appuntamento è, come detto, al Circolo “La Dolce vita” in viale della Costituzione.

Biliardo_meeting_Mandello_2016 (5)

L’evento sportivo è stato presentato sabato 3 settembre nella sala del consiglio comunale di Mandello, presenti tra gli altri il sindaco Riccardo Fasoli, l’assessore allo Sport Serenella Alippi (il Comune di Mandello metterà in palio le coppe riservate ai primi quattro classificati), i presidenti regionale e provinciale della Fibis, Stefano Gibertoni ed Emanuele Impallomeni, il presidente del Circolo “La Dolce vita”, Gabriele Riccardi, il promotore e organizzatore del meeting, Maurizio Riviera, il coordinatore provinciale di Telethon, Renato Milani, ed Enzo Brunati, direttore di gara internazionale, oltre ad alcuni giocatori della “Dolce vita” protagonisti della stagione 2016.

Il sindaco ha rimarcato l’ecletticità sportiva del territorio mandellese. “Siamo capaci – ha detto Riccardo Fasoli – di praticare ogni disciplina sportiva in modo serio e con il giusto impegno e questo è il segreto per arrivare in alto e per raggiungere obiettivi ambiziosi, così come è ambizioso il progetto portato avanti dalla “Dolce vita” e sfociato nell’organizzazione di questo meeting”.

Biliardo_meeting_Mandello_2016 (8)

L’importanza del lavoro svolto dai promotori dell’evento che andrà scena dal 12 al 18 settembre è stata sottolineata anche dall’assessore Serenella Alippi, mentre Gabriele Riccardi ha evidenziato i grandi passi avanti del biliardo mandellese, che nel corso degli anni ha visto aumentare progressivamente il numero dei giocatori.

“La stagione 2015-2016 ci ha regalato belle soddisfazioni – ha affermato – con una nostra squadra finalista al campionato provinciale e con alcuni giocatori che si sono guadagnati il passaggio alle categorie superiori”. “L’obiettivo è fare ancora di più – ha aggiunto – e ottenere risultati sempre migliori”.

Degno di nota il legame che si è instaurato con Telethon. “Vi sono 7.000 malattie genetiche che necessitano di una cura – ha detto Renato Milani – e ogni anno nascono 8 milioni di bimbi con un difetto genetico. Ecco perché anche lo sport può avere una parte importante nell’aiutarci a finanziare la ricerca proprio sulle malattie genetiche”.

Nel corso della presentazione del Meeting internazionale non è mancato il commosso ricordo di Angelo Lo Coco (“fu lui – è stato sottolineato – a “costruire” anni fa il progetto del Csb “La Dolce vita” e il suo ricordo rimarrà per tutti noi incancellabile”), così come è stato ricordato che in occasione del torneo un gruppo di studenti del Liceo scientifico “G.B. Grassi” e del Liceo artistico “Medardo Rosso” di Lecco avrà modo di incontrare a Mandello alcuni campionissimi del biliardo e di prendere confidenza proprio con i tavoli da gioco.