Al Monastero del Lavello in scena Manzoni e “Il nome di Maria”

Tempo di lettura: 2 minuti

Sabato arriva il festival “Per Antiche Contrade”

Spettacolo in parole e musica dedicato agli Inni Sacri del Manzoni

CALOLZIOCORTE – Il festival “Per antiche contrade” approda per la prima volta al monastero del Lavello di Calolziocorte con uno spettacolo in parole e musica dedicato agli Inni Sacri di Alessandro Manzoni.

Sabato 23 novembre alle ore 21 all’interno del santuario, andrà in scena “Il nome di Maria – … a Te, tremante, quando ingrossa ruggendo la fortuna, ricorre il navigante”: un reading musicale che alternerà letture teatralizzate a cura di Bruno Pizzi e inframmezzi d’archi con il quartetto Arkimia, alla riscoperta della delicatissima e intensa composizione che il Manzoni ha voluto dedicare alla Vergine al termine del suo percorso di conversione.

Lo spettacolo si inserisce all’interno della 28^ edizione dell’“Estate di San Martino”, il calendario di eventi culturali organizzato dalla Comunità Montana Lario Orientale Val San Martino in collaborazione con il comune di Calolziocorte, i comuni del territorio, la parrocchia di Calolzio, l’Ecomuseo, la Pro Loco e la Fondazione del Lavello.

Proprio la Fondazione ha voluto che il Lavello fosse una tappa del festival “Per antiche contrade”, nato da un’intuizione di Fulvio Manzoni, ex assessore alla cultura del Comune di Rota d’Imagna e attuale direttore artistico: la rassegna da 15 anni porta in scena i capolavori della letteratura italiana (e non solo) in luoghi storici come borghi, castelli, palazzi e così via.

L’ex monastero del Lavello sarà una scenografia di grande suggestione per ospitare la lettura: al Lavello si respira una forte “atmosfera manzoniana”. Affacciato sull’Adda, il complesso conventuale è stato anche lazzaretto proprio durante l’epidemia di peste del 1629. Appuntamento per sabato 23 novembre alle ore 21 presso il santuario del Monastero del Lavello, in via Padri Serviti 1 a Calolziocorte. Ingresso gratuito.