Calolzio. Luca Marasco ricorda Giorgio Frigerio: “Ha sempre fatto il tifo per me”

Tempo di lettura: 2 minuti
Luca Marasco

Le parole commosse del campione di boxe calolziese

“Non mi faceva mai sentire soddisfatto, è stato fondamentale”

CALOLZIOCORTE – La notizia della morte del maestro di pugilato Giorgio Frigerio ha lasciato senza parole anche il campione calolziese di pugilato Luca Marasco: “Mi dispiace tantissimo, quando ho saputo dell’improvvisa scomparsa di Giorgio sono rimasto incredulo”.

Luca Marasco (una carriera da professionista alle spalle che conta 21 match di cui solo tre persi e quattro titoli italiani disputati di cui tre vinti) è nato e cresciuto alla Boxe Fri.Ma.S.: “Ad allenarmi, quando ero dilettante, è stato principalmente Bruno, il cugino Giorgio, insieme a Giovanni Spada, ma Giorgio l’ho comunque conosciuto quando ero ancora un bambino, nel 1997, quando ho cominciato con il pugilato. Dopo le prime vittorie ricordo che, a differenza di altri, Giorgio non mi riempiva di complimenti ma questo, ogni volta che salivo sul ring, mi spingeva a dare sempre quel qualcosa in più. Non mi faceva mai sentire soddisfatto e questo è stato molto importante”.

Chi conosce Marasco sa di tutti i sacrifici fatti da professionista per mantenere il peso, lui era un Super Leggero: “Ogni volta che ci si incrociava in palestra era la prima cosa che mi chiedeva: ‘Luca, il peso?’ Solo dopo chiedeva come stavo, anche se magari non ci si vedeva da un po’ di tempo”.

Giorgio Frigerio, anche se a distanza, ha sempre seguito i passi di un Luca Marasco che proprio in questi mesi ha ricominciato ad allenarsi con grande impegno e serietà: “E’ sempre stato un mio grande tifoso ed è stato una persona preziosa. Senza dubbio la sua scomparsa rappresenta una grandissima perdita per la Boxe Fri.Ma.S. e per tutto il mondo del pugilato”.