Dervio. Furti dalle auto in sosta, rubato anche un pezzo di motore

    Tempo di lettura: 2 minuti

    Vetri spaccati e razziati gli oggetti dagli abitacoli delle auto

    Addirittura un pezzo del motore sparito da una vettura

    DERVIO – Automobili nel mirino dei delinquenti a Dervio: in pochi giorni sono diversi gli episodi che si contano in paese di vetture in sosta sulla pubblica via trafugate da ignoti che, oltre al furto, hanno lasciato non pochi danni da riparare.

    Tre sarebbero le auto ‘colpite’ solo nella notte tra giovedì e venerdì, in via Foppa e in piazza della chiesa.

    “Venerdì mattina sono uscito di casa e ho trovato il finestrino posteriore dell’auto spaccato, tanto è bastato ai ladri per aprire la portiera e portarsi via quanto hanno trovato, una giacca, delle monete e un paio di occhiali da sole – racconta il proprietario della Bmw razziata in via Foppa – l’auto era posteggiata davanti a casa ma non abbiamo sentito nulla. Al mattino ho fatto subito denuncia dai carabinieri di Colico”.

    Il cofano aperto e il pezzo di motore mancante

    Rubata la valvola di un motore

    Passa il fine settimana ma non finiscono gli episodi: il più  originale, decisamente, è accaduto tra domenica notte e lunedì in via Rimembranze, dove qualcuno ha pensato bene di approfittare di una vettura posteggiata per rifornirsi di un pezzo di motore.

    “Sono senza parole – racconta la proprietaria dell’auto- questa mattina scendo per prendere la macchina e andare al lavoro quando noto, nel prato vicino, un pezzo di plastica nero. Apro l’auto con il telecomando e mi accorgo di un rumore strano. Allora mi avvicino al pezzo di plastica, guardo il cofano e noto che non chiuso completamente. Ho dovuto chiamare mio marito per forzarlo e riuscire a spalancarlo e ci siamo trovati davanti alla sorpresa”.

    Dal motore era stata sottratta una valvola, dal costo di circa 300 euro. “Un lavoro ben fatto, come ha avuto modo di verificare il nostro meccanico. Evidentemente è opera di qualcuno che se ne intendeva. Abbiamo denunciato tutto ai carabinieri”.