Malori in montagna: tre interventi dell’elisoccorso in meno di un’ora

Tempo di lettura: 2 minuti

MONTAGNA – Tre interventi in poco meno di un’ora per l’elisoccorso del 118 per recuperare altrettanti escursionisti colti da malore sulle cime lecchesi.

La prima richiesta d’aiuto è giunta dal Corno Rat, sopra l’abitato di Valmadrera, per un appassionato che si è sentito male mentre si trovava quasi al termine della via ferrata. L’elicottero, decollato da Como, si trovava già in zona per una precedente attività di soccorso alla Capanna Mara, nel territorio comunale di Erba, ed ha raggiunto l’escursionista, colpito da un malore pare in seguito ad una congestione. Fortunatamente le sue condizioni di salute non preoccupano.

Neanche una decina di minuti dopo, una chiamata di emergenza è giunta da rifugio Bogani: il 45enne soccorso era sfinito per la lunga camminata, era infatti partito da Pasturo insieme ad un compagno di escursione, salendo in cima al Grignone, raggiungendo il rifugio Brioschi per poi scendere dal versante nord della montagna.

Arrivato alla Bogani, disidratato e in carenza alimentare, il 45enne ha chiesto aiuto ai gestori della capanna che gli hanno offerto dell’acqua e dello zucchero. Un’infermiera che si trovava sul posto gli ha prestato le prime cure e gli è stata provata la pressione, risultata sotto i valori ottimali.

Da Brescia è quindi decollato un elicottero del 118 con il quale l’equipe sanitaria ha raggiunto il rifugio, soccorrendo il 45enne e predisponendone il trasporto in ospedale.  Infine, appena passata l’ora di pranzo, un terzo elicottero, partito da Bergamo, è atterrato ai Piani di Bobbio dove è stato segnalato un malore di una persona in prossimità del rifugio Lecco. Si tratta di un 70enne, soccorso dal personale sanitario. Anche in questo caso, le sue condizioni non sarebbero gravi.