Morto sul lavoro a 27 anni. La Cgil chiede un incontro con l’azienda

Tempo di lettura: 1 minuto

L’intervento del segretario Cgil sulla tragica morte del giovane lecchese

“Troppi infortuni sul lavoro, servono investimenti in formazione e sicurezza

OLGINATE – Alla vigilia dei funerali, che si svolgeranno sabato mattina in Basilica a Lecco, la Cgil interviene sulla morte di Daniele Della Bella, 27enne vittima di un tragico infortunio sul lavoro alla Battazza Trasporti di Olginate.

Nipote del titolare, il giovane lecchese ha perso la vita battendo la testa in seguito ad una sfortunata caduta.

Diego Riva (Cgil)

“Oltre a esprimere il nostro più profondo cordoglio – dichiarano il segretario generale della Cgil lecchese Diego Riva e il segretario generale della Filt lecchese Salvatore Campisi -, e in attesa di conoscere la dinamica dell’incidente, ci attiveremo nei confronti dell’azienda per ottenere un incontro dove rimarcheremo quanto sia importante mantenere alta l’attenzione sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Una delegazione del sindacato sarà presente ai funerali. “Sono ancora troppi – prosegue Riva – gli infortuni, anche quelli mortali come in questo caso dove è stata portata via una giovane vita. Siamo sempre più convinti che servono maggiori investimenti sia nella formazione sia nella sicurezza, perché si evitino altre tragedie”.