Robbiate. Uccide la madre a martellate. Il 65enne ha confessato

Tempo di lettura: 1 minuto

ROBBIATE – Ha confessato Marco Olginati: il 65enne, ex professore di Robbiate, venerdì davanti al giudice ha confermato di essere stato lui ad arrecare la morte della madre, Luigia Mauri, uccidendola con un martello, nel giorno di Natale.

Nella stanza dell’ospedale Manzoni dove è ricoverato, ieri ha ricevuto la visita del sostituto procuratore Andrea Figoni che coordina le indagini, affidate ai Carabinieri.  Almeno tre sarebbero i colpi inferti dall’uomo sull’anziana madre, mentre dormiva coricata sul suo letto.

Il 25 dicembre, quando gli uomini dell’Arma e i Vigili del Fuoco sono riusciti ad entrare nell’appartamento di via Fermi, hanno rinvenuto il corpo ormai esanime della donna e il 65enne gravemente ferito nel tentativo di togliersi la vita impiccandosi con una catena di ferro.

Le sue condizioni sono migliorate negli ultimi giorni, tanto da permettere agli inquirenti di effettuare l’interrogatorio di convalida dell’arresto.