Calolzio. Dal comune 100mila euro per le categorie bloccate dal primo lockdown

Tempo di lettura: 2 minuti
Il sindaco Marco Ghezzi

Contributo di circa 1.000 euro, a breve il bando

Venerdì prossimo l’approvazione in consiglio comunale

CALOLZIOCORTE – Pur essendo in tempi di vacche magre, anzi magrissime, il comune di Calolziocorte ha deciso di stanziare 100mila euro per andare incontro alle categorie economiche che sono state fermate dal primo lockdown, quello cominciato lo scorso marzo.

Un aiuto che si concretizzerà con l’approvazione nel consiglio comunale di venerdì prossimo, è stato lo stesso sindaco Marco Ghezzi ad anticipare oggi pomeriggio, martedì, questa ulteriore misura di sostegno dopo lo sconto e la posticipazione di alcune tasse per le imprese (Tari e Imu): “Stiamo predisponendo il bando per accedere ai fondi, contiamo di riuscire a dare un contributo di circa 1.000 euro a chi farà richiesta, anche se valuteremo in base alle domande che arriveranno se riproporzionare l’aiuto o cercare altri soldi per aumentare il fondo”.

Il comune di Calolzio ha già messo circa 170.000 euro per azzerare la parte variabile della Tari per i rifiuti non domestici e anche l’Imu è stata posticipata: “A breve pubblicheremo il bando per accedere a questo fondo, bando aperto alle categorie rimaste chiuse durante il primo lockdown – ha continuato il sindaco -. Purtroppo stiamo faticando a trovare il modo per dare questi contributi perché le norme contenute nelle pieghe dei vari decreti sono particolarmente laboriose e complicate, e ciò comporta un lavoro enorme per gli uffici”.

E’ comunque chiara la volontà da parte dell’amministrazione di dare una mano a chi nei mesi scorsi è stato colpito maggiormente dalla pandemia. A breve, comunque, sarà lo stesso comune a rendere noti tutti i dettagli del bando.