Anche RistorExpo a Lariofiere rinviata per l’emergenza Coronavirus

Tempo di lettura: 2 minuti

La manifestazione di Lariofiere prevista a marzo si sposta ad aprile

“Serve un segnale. Dobbiamo realizzare la migliore edizione di sempre”

ERBA – Così’ come Milano ha dovuto rimandare il Salone del Mobile a seguito delle indicazioni del ministero della Salute per l’emergenza Coronavirus, anche Erba deve far slittare ad aprile una dei suoi eventi più di successo: RistorExpo, il salone della ristorazione.

Nell’assumere questa decisione, il Consiglio Direttivo di Lariofiere, spiegano, ha voluto tutelare prima di tutto gli espositori della mostra che si trovano attualmente nella difficoltà di dover prendere decisioni in una situazione di scarsa chiarezza. Con la stessa logica ha anche definito una nuova data di programmazione della manifestazione per l’anno corrente. Valutata una serie di opportunità, nella logica di arrecare il minor disagio possibile ad espositori, operatori e a tutti i fruitori del progetto fieristico, la mostra è stata inserita in calendario dal 26 a 29 aprile 2020.

Fabio Dadati

“Avremmo voluto mantenere la data indicata a calendario ma è evidente a tutti come non fosse possibile, nostro malgrado. – spiega Fabio Dadati, Presidente di Lariofiere – Abbiamo così, scelto, la data utile più prossima, il 26 aprile, che garantisce da un lato il superamento dell’emergenza e dall’altro permette una corretta riprogrammazione agli espositori. Vogliamo dare un segnale forte per il rilancio dell’economia ed in particolare dei settori interessati, sarà una grande Ristorexpo, il nostro obiettivo è di realizzare la migliore edizione di sempre”.

“La scelta di Lariofiere – prosegue Giovanni Ciceri, ideatore e curatore di Ristorexpo – è una scelta di responsabilità ma anche di coraggio. Responsabilità nel rispettare l’ordinanza e coraggio perchè, una volta rientrata l’emergenza sanitaria, dovremo rimboccarci le maniche per ritornare al più presto alla normalità. Il che significa ridare impulso al nostro sistema economico e ad un settore portante della nostra economia, sia per numero di addetti che per fatturato. Abbiamo voluto fissare il prima possibile lo svolgimento di Ristorexpo, confidando nella volontà di dimenticare al più presto queste difficili ore.”