Confartigianato Lecco in assemblea: “Imprenditori artigiani sempre protagonisti”

Tempo di lettura: 5 minuti
Il presidente di Confartigianato Lecco Daniele Riva

Oltre 200 i partecipanti all’annuale appuntamento

“Le prossime battaglie? Nuove tecnologie, l’impresa 4.0 e il digitale”

LECCO – “Nel nostro Paese, a livello economico e sociale, gli imprenditori artigiani hanno ricoperto, ricoprono e sempre ricopriranno un ruolo da protagonista”. Così il presidente di Confartigianato Imprese Lecco Daniele Riva ha aperto il suo intervento durante l’assemblea annuale pubblica che si è svolta oggi, lunedì 25 novembre, all’auditorium della Casa dell’Economia di Lecco.

Il segretario generale Vittorio Tonini

Il presidente e il segretario generale, Vittorio Tonini, hanno accolto oltre 200 partecipanti tra rappresentanti del mondo economico, politico, delle Istituzioni, delegati dell’Associazione e imprenditori.

Un nuovo protagonismo dentro i cambiamenti del prossimo decennio

“Un nuovo protagonismo dentro i cambiamenti del prossimo decennio” questo il tema dell’incontro che ha voluto tracciare il bilancio delle attività di Confartigianato nell’anno in corso e rispondere alle nuove sfide che si affacciano nel futuro prossimo delle MPMI, il ruolo chiave che gli imprenditori artigiani ricoprono nel complesso sistema economico nazionale e la rotta da seguire per essere leader anche nel prossimo decennio.

“Oggi siamo di nuovo alle prese con un’economia globale che vacilla e che non ci lascia ben sperare – ha detto Riva -. Eppure sono pronto a scommettere che la nostra forza e la nostra potenza, rappresentata da oltre il 90% delle imprese italiane, sapranno dare, anche questa volta, il decisivo contributo per affrontare questa nuova prova. E lo faremo grazie a tutto ciò che siamo, alla nostra storia e al nostro saper guardare avanti. Passato, presente e futuro di un artigianato riconosciuto come unico nel mondo. Siamo usciti vincenti da un decennio di passione, saremo i protagonisti anche degli anni a venire”.

Al centro Fabrizio Sala, assessore per la Ricerca, Innovazione, Università e Internazionalizzazione Regione Lombardia; a destra, Cesare Fumagalli, segretario nazionale di Confartigianato Imprese

Tavola rotonda

Come? Facendo forza su quali leve? A queste domande hanno risposto gli autorevoli ospiti, Pier Paolo Baretta, sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, in collegamento skype; Fabrizio Sala, assessore per la Ricerca, Innovazione, Università e Internazionalizzazione di Regione Lombardia e Cesare Fumagalli, segretario nazionale di Confartigianato Imprese.

“Ritengo che le battaglie da vincere nei prossimi 10 anni riguardino principalmente le nuove tecnologie, l’impresa 4.0 e il digitale. Credo profondamente che il futuro delle nostre imprese sia legato a doppio filo con quello dell’innovazione e della ricerca – ha proseguito Riva -. L’introduzione di tecnologie di ultima generazione, alcune nate proprio dalla necessità e dall’ingegno artigiano, è indispensabile per far sì che il nostro patrimonio ‘manuale’ non si disperda e anzi possa andare molto lontano. Anche se lo stereotipo dell’artigiano resta per molti quello del falegname che lavora il legno con le proprie mani, l’artigianato moderno è molto cambiato  e, partendo da un’indubbia capacità manuale e un occhio ‘clinico’ sul prodotto, sta introducendo nell’impresa tecnologia all’avanguardia, che per essere utilizzata richiede studi e esperienza sul campo”.

Fabrizio Sala, assessore per la Ricerca, Innovazione, Università e Internazionalizzazione Regione Lombardia

La Legge di Bilancio 2020

Quindi un richiamo alla Legge di Bilancio 2020. “Accogliamo con favore la conferma degli incentivi 4.0 ma in generale siamo di fronte a una nuova manovra che appare poco o per nulla espansiva e scarsamente coraggiosa. Una manovra che sembra orchestrata solo per scongiurare l’aumento automatico dell’IVA. Scansare un problema immediato, ma senza una visione futura, senza guardare più in là dell’emergenza quotidiana, non dà respiro alle nostre aziende. Oltre a vedere riconfermate due misure che giudichiamo inutili al mondo del lavoro, Quota 100 e reddito di cittadinanza, quest’anno ci troviamo davanti come unico grande slogan quello della lotta all’evasione fiscale, battaglia sacrosanta, che anche Confartigianato sostiene, ma che non deve andare in un’unica direzione. Ancora una volta ci spiace constatare che nel mirino c’è solo il piccolo imprenditore”.

Cesare Fumagalli, segretario nazionale di Confartigianato Imprese

Export in stagnazione e balzelli fiscali

Tra le preoccupazione espresse l’export in stagnazione sia verso l’Europa che nel resto del mondo e i prossimi balzelli fiscali come l’obbligo, a partire dal 1° gennaio 2020, di introdurre in tutte le attività il registratore di cassa telematico.

“La nostra struttura si sta riorganizzando per essere sempre più competitiva e dare le risposte necessarie ai nostri associati – ha aggiunto il segretario Vittorio Tonini – Sono state introdotte due nuove figure per sviluppare ulteriormente i bandi speciali in modo da favorire l’accesso delle piccole e medie imprese. Uno degli ostacoli che continuiamo a registrare non è tanto l’assenza di opportunità, ma la difficoltà ad accedervi. La stessa cosa vale per l’Area Internazionalizzazione ed Estero. Il 2019 si è concentrato inoltre su due obiettivi importanti, la rivoluzione del nostro sistema di comunicazione con un nuovo sito web e l’apertura della nuova delegazione di Introbio come riferimento per la Valsassina. Le sfide dirette del 2020 riguarderanno in particolare green economy e welfare. Siamo già al lavoro con numerosi progetti”.

Vico Valassi e Daniele Riva

Il momento finale dell’assemblea, come da tradizione, ha visto salire sul palco gli imprenditori artigiani che hanno ricevuto il Premio Fedeltà Associativa: 31 le aziende premiate che fanno parte di Confartigianato Imprese Lecco da oltre 40 anni, e due premi speciali.