Fiocchi Munizioni passa a CSG. Sindacati ‘rassicurati’ dall’azienda

Tempo di lettura: < 1 minuto

Incontro con i sindacati all’indomani della svolta societaria

Rassicurazioni sul fronte occupazionale. “Presidenza Fiocchi elemento di continuità”.

LECCO – Inizia una nuova era per la Fiocchi Munizioni e dopo l’acquisizione al 70% da parte di Czechoslovak Group (vedi articolo) i sindaci hanno incontrato la direzione aziendale.

“Nell’incontro ci è stato formalizzato il nuovo assetto societario – spiegano Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm in una nota – le organizzazioni sindacali, congiuntamente alla Rsu, hanno chiesto e ricevuto rassicurazioni in merito all’aspetto industriale, occupazionale e alle relazioni sindacali, elementi per noi essenziali per affrontare il futuro”.

Per i sindacati è un importante “elemento di continuita’ la nomina di presidente del cda di Stefano Fiocchi” già presidente dell’azienda e rappresentante della famiglia ora proprietaria di una quota di minoranza come il Charme Capital Partners, a suo tempo entrato in Fiocchi nel 2018 acquisendo il 60% delle quote per iniziare il percorso di quotazione in borsa dell’azienda lecchese.

Nell’ottobre del 2020, il Gruppo Fiocchi aveva acquistato integralmente la società “Baschieri & Pellagri” marchio storico dell’azienda specializzata nella produzione di cartucce di alta gamma per il segmento caccia e tiro.