Guida al Welfare per le micro e piccole imprese del terziario

Tempo di lettura: 3 minuti
Alberto Riva, direttore Confcommercio Lecco

Iniziativa finanziata da Regione Lombardia a supporto degli interventi di conciliazione famiglia-lavoro

La guida punta a far conoscere le normative principali in materia

LECCO – Grazie alle risorse di Regione Lombardia – che hanno finanziato il progetto “Sinergie e strategie conciliative 2.0” presentato alla Rete Territoriale di Conciliazione vita-lavoro dall’Alleanza Locale Distretto di Lecco (Ambiti di Bellano, Lecco e Merate) con Ente Capofila Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d’Esino e Riviera e governata dall’ATS della Brianza – anche quest’anno Confcommercio Lecco ha avuto la possibilità di approfondire alcune importanti tematiche in materia di welfare aziendale.

In particolare – a supporto delle attività degli sportelli di conciliazione e welfare e a completamento delle azioni di diffusione sviluppate lo scorso anno da Confcommercio Lecco – è stata realizzata la “Guida al welfare per le micro e piccole imprese del terziario”. La guida punta a far conoscere le normative principali in materia, a delineare le politiche possibili e gli strumenti per attuarle, ad analizzare le singole peculiarità aziendali, a comprendere l’impatto del welfare sulla propria azienda (clima di lavoro aziendale, maggiore motivazione e conseguente contributo professionale alla produttività personale e complessiva dell’azienda, miglioramento del senso e spirito di appartenenza, riduzione del turn-over…), nonché a effettuare in maniera autonoma una prima valutazione sulla fattibilità di un piano di welfare aziendale.

“Il nostro lavoro si pone l’obiettivo di fornire un supporto concreto alle aziende nella ricerca della giusta strada verso il welfare – evidenzia il direttore di Confcommercio Lecco, Alberto Riva – Siamo certi che questo strumento darà la possibilità alle piccole imprese di valutare in maniera autonoma quali strumenti delle politiche di conciliazione siano applicabili alla propria realtà. A livello di sistema l’obiettivo sarà quello di contribuire all’aumento del numero di aziende che si attiveranno per applicare gli strumenti di welfare, diffondendo così la cultura nelle imprese del nostro territorio”.

Poi aggiunge: “Realizzare un piano di welfare è un percorso di innovazione organizzativa, che si traduce in benefici concreti per i dipendenti e per l’organizzazione aziendale. È una delle cosiddette innovazioni win-win. Esistono diffusi pregiudizi e luoghi comuni, come ad esempio l’idea che il welfare aziendale costi troppo, oppure che si tratti di un lusso per le grandi imprese. Queste linee guida, elaborate da Confcommercio Lecco per i propri associati, hanno l’obiettivo di fornire conoscenze e strumenti per permettere di superare le resistenze e affrontare il tema con un approccio molto operativo”.

Manila Corti, Responsabile Servizi alla Persona dell’Ente Capofila di Progetto, evidenzia: “Quest’attività si colloca all’interno del nuovo progetto “Sinergie e strategie conciliative 2.0, con obiettivo quello di proseguire nel sostenere la diffusione di informazioni, iniziative e interventi che rendano possibile la conciliazione vita-lavoro, a partire dalla conoscenza e attivazione del territorio, in tutte le sue componenti, per il territorio stesso. La presente azione progettuale, che vede la titolarità di Confcommercio, è certamente rappresentativa del consolidato rapporto tra mondo sociale e mondo del lavoro, nell’impegno condiviso di garantire alle persone/lavoratori un maggior benessere. La Guida al Welfare rappresenta uno strumento importante sia nella sua utilità pratica, sia per la diffusione della cultura di conciliazione”.

Un plauso al progetto anche dal Direttore Generale di ATS Brianza Silvano Casazza: “L’azione attivata da Confcommercio Lecco rientra a pieno titolo negli indirizzi regionali che prevedono la realizzazione di iniziative volte a supportare l’implementazione nelle aziende di piani di welfare. Per di più tale strumento resta una risorsa preziosa a vantaggio del territorio, in quanto messo a disposizione dei diversi soggetti che compongono l’ Alleanza Locale e la Rete Territoriale. Regione Lombardia sta inoltre lavorando all’emanazione delle nuove indicazioni operative per la definizione dei nuovi Piani Territoriali e tali azioni rappresentano un importante area di lavoro nella quale la nostra ATS pone attenzione ed impegno”.

Iniziativa finanziata da Regione Lombardia a supporto degli interventi di conciliazione famiglia-lavoro ai sensi delle D.G.R 5969/16 e D.G.R 1017/18