Manovra e proroga del Bonus Verde, pollice su per la Coldiretti lariana

Tempo di lettura: 2 minuti
Presidente Coldiretti Fortunato Trezzi

Coldiretti plaude al ‘Bonus verde’ nel Milleproroghe Coldiretti

“E’ ossigeno per il territorio e il florovivaismo lariano”

LECCO – La proroga del bonus verde nella manovra risponde alle ripetute sollecitazioni di Coldiretti per favorire con le detrazioni fiscali la diffusione di parchi, giardini e terrazzi in città capaci di catturare le polveri e di ridurre il livello di inquinamento.

E’ quanto afferma l’organizzazione agricola interprovinciale in riferimento ai contenuti del “milleproroghe” che conferma per il prossimo anno il cosiddetto bonus verde nella manovra. Una misura che inoltre aiuta il florovivaismo “che – sottolinea il presidente di Coldiretti Como Lecco Fortunato Trezzi – è un settore di punta del made in Lario: è quindi importante rifinanziare un intervento innovativo che aiuta a far crescere il verde privato con un impatto positivo anche sull’ecosistema e sul contrasto dei cambiamenti del clima, oltre che sulle imprese florovivaistiche territoriali”.

“Senza proroga – evidenzia la Coldiretti lariana – sarebbe scaduto infatti a fine anno il bonus che prevede attualmente una detrazione ai fini Irpef nella misura del 36% delle spese sostenute per la sistemazione a verde di aree scoperte private e condominiali di edifici esistenti, di unità immobiliari, pertinenze o recinzioni (giardini, terrazze), per la realizzazione di impianti di irrigazione, pozzi, coperture a verde e giardini pensili. Non si può continuare a rincorrere le emergenze, ma bisogna intervenire in modo strutturale favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato considerato che una pianta adulta è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili e un ettaro di piante è in grado di catturare 20mila kg di anidride carbonica (CO2) all’anno”

“Un sostegno alle imprese del comparto florovivaistico comprensoriale importantissimo. La provincia di Como – dettaglia Trezzi – è terza in Lombardia per numero delle imprese che operano nei settori della floricoltura, cura del paesaggio e manutenzione del verde: oltre 970 su un totale regionale di 7 mila, con un incremento del 16,8%, in linea con il 17% che si è registrato in regione negli ultimi 5 anni. Molto positivi anche i dati di Lecco: qui è il dato di crescita a marcare un record assoluto, +26,7%, il più alto della Lombardia nel quinquennio, che porta le imprese a quota 460 in provincia”.