A Merate, martedì 20 febbraio, l’appuntamento organizzato da Confcommercio Lecco

Un seminario gratuito in materia di Privacy dedicato alle imprese

LECCO – Mercoledì 20 febbraio, dalle ore 14.30 alle ore 17, Confcommercio Lecco organizza presso la delegazione di Merate un seminario gratuito in materia di Privacy, dedicato alle imprese che non effettuano trattamenti particolari e complessi.

Nel corso dell’incontro il consulente privacy di Confcommercio Lecco Giorgio Marinoni (ML Informatica) fornirà indicazioni specifiche per il trattamento svolto, in modo da consentire alle aziende l’adeguamento al nuovo Regolamento europeo.

Il seminario di mercoledì a Merate è rivolto in particolare alle seguenti categorie: bar e gelaterie; ristoranti e pizzerie; negozi e alimentari; fioristi; panifici; arredamento; librerie e edicole; benzinai; parrucchieri senza centro estetico; ambulanti; commercio al dettaglio in generale, nei casi in cui non vengano effettuati trattamenti di dati particolari.

Le imprese interessate sono pregate di segnalare la propria partecipazione inviando una email entro il 19 febbraio all’indirizzo formazione@ascom.lecco.it.

Il regolamento generale sulla protezione dei dati

Il regolamento generale sulla protezione dei dati GDPR (General Data Protection Regulation-Regolamento UE 2016/679) è un Regolamento con il quale la Commissione europea ha voluto rafforzare e rendere più omogenea la protezione dei dati personali di cittadini dell’Unione Europea e dei residenti nell’Unione Europea. Il testo, pubblicato su Gazzetta Ufficiale Europea il 4 maggio 2016 ed entrato in vigore il 25 maggio dello stesso anno, ha iniziato ad avere efficacia il 25 maggio 2018. Gli obiettivi principali del GDPR sono quelli di restituire ai cittadini il controllo dei propri dati personali e di semplificare il contesto normativo che riguarda gli affari internazionali unificando e rendendo omogenea la normativa privacy dentro l’UE. Dal 25 maggio 2018, il GDPR va a sostituire la direttiva sulla protezione dei dati istituita nel 1995 e abroga le norme del Codice per la protezione dei dati personali (Dlgs. 196/2003) incompatibili.