Coronavirus, Valsassina. Chiudono alcune aziende: “a tutela dei lavoratori”

Tempo di lettura: 1 minuto

15 gli imprenditori della Valsassina che hanno deciso di chiudere temporaneamente le proprie aziende

Dina Galperti: “Siamo chiamati a scelte importanti, che dobbiamo assumere tempestivamente, con coraggio e determinazione”

CORTENOVA – Nella giornata di ieri, giovedì, un gruppo di 15 imprenditori di Cortenova e Primaluna, principalmente operanti nel settore delle flange ma non solo, si sono confrontati e alcuni loro hanno assunto la decisione di sospendere la propria attività produttiva fino al 20 marzo.

Decisione presa in autonomia oltre le prescrizioni dei decreti governativi resi necessari per far fronte all’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus, che di fatto non impongono la chiusura delle fabbriche.

“E’ stata una decisione di responsabilità per la tutela della salute dei nostri lavoratori considerata valore prioritario sopra ogni altro interesse”, spiega uno dei 15 imprenditori che hanno deciso di chiudere temporaneamente le proprie aziende.

Apprezzamento per la scelta effettuata è giunta anche dalle parti sociali, che sempre ieri pomeriggio, con un proprio comunicato, avevano auspicato la chiusura.

“Il momento che stiamo vivendo è estremamente delicato – prosegue Dina Galperti della Galperti Srl di Cortenova – Non possiamo prevedere come evolverà questa emergenza, quello che sappiamo è che oggi siamo chiamati a scelte importanti, ma che dobbiamo assumere tempestivamente, con coraggio e determinazione, confidando di poter insieme e presto superare questo momento di grande difficoltà umana per tutti”.

Non una battuta d’arresto, ma solo un “pit-stop”, con l’auspicio di poter ripartire ancor più forte di prima.