Comasco. Fatture inesistenti, frode per oltre un milione di euro

Tempo di lettura: 1 minuto

ROVELLO PORRO – Nei giorni scorsi, i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Olgiate Comasco hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie per un valore di 1 milione e 700 mila euro per frode fiscale, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Como, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Il sequestro è stato eseguito in esito ad un’attività di polizia economico-finanziaria condotta dalle Fiamme Gialle nei confronti di un’azienda di Rovello Porro operante nel settore dei trasporti, al termine della quale è emerso che l’impresa, tra il 2016 ed il 2017, avrebbe utilizzato fatture relative ad operazioni inesistenti per un importo complessivo pari ad oltre 7 milioni di euro, emesse da società “vicine” al medesimo soggetto economico.

Complessivamente, sono stati sottoposti a vincolo cautelare, ad oggi, beni del valore di circa mezzo milione di euro, in particolare un fabbricato industriale di pregio, sito in Rovello Porro, una polizza vita, l’intero valore delle quote societarie, conti correnti, 3 autoveicoli, 2 immobili ed 1 terreno siti in Gioia Tauro.