Montagna. Scivola per 150 metri, muore 39enne al passo del Vivione

Tempo di lettura: 1 minuto

VILMINORE (BG) – Un escursionista di Trescore Balneario (Bg) di 39 anni, M.B., ha perso la vita in Val di Scalve dopo essere caduto in un canale impervio.

Stava trascorrendo alcuni giorni in montagna sulle Orobie e venerdì aveva avvisato la famiglia che aveva intenzione di raggiungere il rifugio Tagliaferri. L’uomo però non è mai arrivato al rifugio.

Doveva andare al lavoro domenica sera ma non si è presentato e per questo sono partite le ricerche, dopo la denuncia di scomparsa. La centrale operativa ha allertato il Cnsas, nel frattempo nella zona del rifugio e della diga del Gleno si è alzato in volo l’elicottero di protezione civile della Regione Lombardia, con a bordo i tecnici Cnsas della stazione di Schilpario, ha sorvolato i luoghi dove l’escursionista poteva essere passato.

L’uomo è stato individuato dopo il rifugio Tagliaferri, andando verso il Passo del Vivione, in un canale sotto un sentiero, dove l’escursionista era precipitato per circa 150 metri.

Una volta individuato il corpo, i soccorritori sono stati sbarcati e lo hanno raggiunto; nel frattempo da Bergamo decollava l’elicottero del 118 ma il medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso.