Soccorso Alpino, Alberto Redaelli si dimette dal ruolo di Delegato

Tempo di lettura: < 1 minuto
Alberto Redaelli

Eletto a fine 2018, Redaelli non è più a capo della XIX Delegazione Lariana del Cnsas

“Mi dimetto per motivi personali ma resto nel Soccorso”

LECCO – Alberto Redaelli si è dimesso dal ruolo di Delegato della XIX Delegazione Lariana del Soccorso Alpino, che comprende le stazioni di Lecco, Valsassina, Triangolo Lariano, Dongo, Lario Occidentale e Varese.

Redaelli, 52 anni, membro del Cnsas dal 1999 e per sei anni a capo della stazione del Triangolo Lariano, era stato eletto nel dicembre 2018 succedendo a Luca Vitali, nominato responsabile di zona dopo la tragica scomparsa, nel 2017, dell’allora Delegato Attilio Beltrami.

Le dimissioni arrivano dopo oltre un anno e mezzo di attività: “Faccio un passo indietro per motivi personali” le sue parole “ovviamente dispiace, avevo avviato importanti discorsi anche a livello regionale, ma mi è stato impossibile continuare”.

Redaelli resterà nel Soccorso Alpino come volontario. La Delegazione è ora al lavoro per cercare un nuovo capo. Il ruolo di responsabile della XIX Lariana è di grande importanza: negli anni, è stato ricoperto da Gian Attilio Beltrami, figura storica del Soccorso alpino e speleologico, scomparso nel 2017, e dall’indimenticato Daniele Chiappa, una delle persone che hanno determinato la crescita e l’assetto attuale del Soccorso alpino e speleologico lombardo. Redaelli è succeduto a Luca Vitali, ora vicepresidente del Cnsas Lombardo. Al momento, le funzioni di responsabile sono svolte dal vice Delegato, Salvatore Zangari, in attesa del rinnovo ufficiale dell’incarico.