Garlate. Il Museo della Seta Abegg riconosciuto come Raccolta Museale

Tempo di lettura: 2 minuti

Nei giorni scorsi la delibera regionale che ha ufficializzato il passaggio

“Un traguardo importante, grazie a chi quotidianamente lavoro per il Museo”

GARLATE – “Con grande orgoglio rendiamo noto che la Giunta Regionale ha riconosciuto il Civico Museo della Seta Abegg come Raccolta Museale“. L’annuncio è arrivato dall’amministrazione guidata dal sindaco di Garlate Giuseppe Conti. Il riconoscimento giunge dopo un iter di oltre un anno culminato con il sopralluogo dello scorso 23 gennaio dei responsabili di Regione Lombardia presso il museo, che hanno verificato i requisiti e le attività.

La strada che ha portato all’accreditamento del Museo parte in realtà da ben più lontano, a cominciare dalla sua riapertura nel novembre 2013 fermamente voluta dall’Amministrazione guidata da Giuseppe Conti e proseguita con l’adeguamento a tutti gli standard qualitativi previsti dalle linee guida, come ad esempio l’adozione di uno Statuto, la nomina del Direttore Flavio Crippa e del Comitato scientifico nel 2017, oltre agli sforzi messi in campo per garantire aperture, visite guidate, laboratori didattici, attività per scuole e gruppi.

“Il Civico Museo della Seta Abegg di Garlate rientra così tra le 8 strutture riconosciute in Provincia di Lecco e le circa 190 realtà in Lombardia. Un traguardo importante che ci consentirà di accedere in maniera prioritaria a Bandi regionali e nella promozione e comunicazione di Regione Lombardia, oltre che a progetti e fondi ministeriali e europei – ha detto il sindaco -. Oggi ci godiamo questo importante risultato ma non ci fermiamo qui, ancora più convinti della importanza e della bellezza del nostro museo. Tanti i progetti in essere, a partire dall’imminente riacquisizione dell’ala Est dal Parco Adda che consentirà di ricostituire l’integrità dell’edificio museale e progettare un allestimento ancora più ricco e completo”.

“Un sentito ringraziamento a chi si adopera quotidianamente con passione per il buon funzionamento del Museo – ha concluso -. Il riconoscimento è una soddisfazione da condividere con tutti loro e con tutti i garlatesi!”