Autonomia non prioritaria? Piazza non ci sta e attacca il sottosegretario

Tempo di lettura: 1 minuto

Le parole del sottosegretario Buffagni scatenano le critiche dei lombardi

Mauro Piazza: “Dichiarazioni preoccupanti”

MILANO – “Le affermazioni del Sottosegretario agli affari regionali, Stefano Buffagni, sono preoccupanti e smentiscono quanto aveva riportato nel corso dell’audizione che aveva tenuto in Commissione speciale Autonomia” afferma Mauro Piazza, Consigliere regionale di Forza Italia e Presidente commissione speciale Autonomia del Consiglio regionale lombardo dopo le parole del sottosegretario del Governo che ha definito come non una priorità l’autonomia di regioni come la Lombardia che ne ha fatto richiesta, annunciando tempi lunghi.

“La nostra richiesta di maggiore autonomia, non è una “secessione dei ricchi” mascherata, come viene dipinta da alcuni costituzionalisti. L’autonomia è l’inizio di un percorso per modernizzare l’impianto istituzionale dello Stato italiano; un percorso a cui recentemente si sono aggiunte anche regione Campania e regione Liguria” prosegue il Consigliere regionale.

“Mi auguro che il Governo Conte, di cui la Lega è azionista, attui rapidamente, così come aveva auspicato il Presidente Fontana, tutti gli adempimenti per concedere alla nostra regione quello che il 22 Ottobre 2017 anche il sottosegretario Buffagni aveva votato e fatto votare: l’autonomia lombarda. Se così non fosse, il Ministro Salvini e tutta la Lega dovrebbero interrogarsi sull’opportunità di sostenere un governo che va contro la volontà popolare” conclude il presidente di commissione.