Cannabis, De Corato: “La sentenza non ammette dubbi, è reato venderla”

Tempo di lettura: 2 minuti

L’assessore regionale scrive a sindaci e Polizie locali

“E’ reato commercializzare i derivati della coltivazione”

LECCO – L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha scritto ai sindaci e ai Comandi delle Polizie locali lombarde in riferimento alla recente sentenza della Cassazione sulla vendita della cannabis.

De Corato: sentenza non ammette dubbi, è reato venderla

“La Corte – si legge nella missiva inviata dall’assessore De Corato – ha concluso che è reato commercializzare al pubblico i derivati della coltivazione di cannabis sativa L., come foglie, inflorescenze, olio, resina, anche se il contenuto di THC e’ inferiore allo 0,6, a meno che questi non siano privi di effetto stupefacente o psicotropo. La sentenza è chiara – ha aggiunto – l’offerta a qualsiasi titolo, la distribuzione e la messa in vendita dei derivati dalla coltivazione della cannabis sativa L., integrano la fattispecie incriminatrice di cui al D.P.R.
n.309/1990, ex art. 73”.

L’assessore chiede di fare attenzione alle attività

L’assessore chiede ai sindaci e alle polizie locali di “prestare una particolare attenzione alle conseguenze che derivano da tale autorevole pronuncia nei confronti dei growshop che si sono velocemente diffusi sul territorio nazionale e lombardo in particolare”.

Dati e cifre in Lombardia

“In Lombardia – evidenzia l’assessore – nel 2019, ci sarebbero ben 121 ‘cannabis shop’ di cui 51 solo nella provincia di Milano, con un incremento di 23 attività rispetto al 2018. Nel 2017 gli esercizi commerciali di questo tipo erano circa la metà: 67 in tutta la Lombardia. Oltre alla provincia di Milano, seconda in Italia dopo Roma con 87 esercizi e seguita da Torino con 34 punti vendita, troviamo Brescia con 14 negozi (+9 rispetto al 2018) e al terzo posto le provincie di Monza Brianza, Bergamo e Varese che dispongono di 13 esercizi. Segue Pavia con 5 unità come lo scorso anno, Lecco e Cremona passano entrambe da 2 a 3 negozi seguite dai 2 di Como e Mantova. In ultima posizione Lodi e Sondrio. E’ bene ricordare – conclude l’assessore – che la cannabis sativa oltre ad essere venduta dai negozi del settore, viene commercializzata anche in supermercati, tabaccherie e giornalai”.