Case e ospedali di comunità, la Regione appronta la ‘revisione’ della sanità

Tempo di lettura: 3 minuti

La revisione della riforma sanitaria lombarda, via libera dalla giunta Regionale

Entro il prossimo anno previsti i primi 26 ospedali di comunità e 86 case di comunità

MILANO / LECCO – “Rafforzare la sanità territoriale, evitare i ricorsi inappropriati in Pronto Soccorso attraverso la realizzazione di strutture dove, grazie al coinvolgimento dei medici di medicina generale e alla loro collaborazione con gli specialisti ospedalieri, i cittadini possano trovare una risposta migliore ai propri bisogni di salute”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante la conferenza stampa di presentazione della revisione della Legge regionale della sanitaria approvata ieri in Giunta e ora pronta all’esame dell’iter dell’esame del Consiglio.

Il governatore Fontana ha quindi annunciato: “216 Case della comunità, 100 Distretti, 64 ospedali di comunità” ovvero “i punti di riferimento per la presa in carico dei lombardi e per l’attuazione della medicina di prossimità”.

“La pandemia – ha proseguito il presidente della Regione – ci ha lasciato delle ferite che sicuramente mai potranno rimarginarsi, ma anche la forza di ripartire più forti di prima. E oggi con questo provvedimento inizia una nuova fase. Abbiamo imparato quanto sia importante mettere a sistema l’innovazione tecnologica all’interno dei percorsi di presa in carico. Per questo le Case di Comunità, che potranno essere gestite dai medici di medicina generale, anche riuniti in cooperativa, saranno dotate di attrezzature all’avanguardia e di telemedicina che favoriranno le cure domiciliari”.

Fontana ha poi evidenziato come “il tema del personale resta centrale”.

“Il Governo nazionale – ha detto – deve ora far in modo che i maggiori investimenti vadano di pari passo con l’incremento delle borse specialistiche e il superamento dei numeri chiusi soprattutto per le branche più carenti”.

Concludendo la sua analisi, Fontana ha evidenziato l’attenzione rivolta a ricerca e sport.

“Nella nostra proposta – ha spiegato – è prevista la creazione di una rete regionale della ricerca biomedica e dell’innovazione nelle scienze della vita. Un hub, coordinato dagli Irccs di diritto pubblico che coinvolgendo gli enti di ricerca e le Università favorisca iniziative per sviluppare il trasferimento tecnologico in collaborazione con le imprese. Fondamentale, poi, è la valorizzazione dell’attività sportiva e motoria quale parte integrante dei percorsi di prevenzione, cura e riabilitazione ed elemento centrale di un corretto stile di vita”.

“Per la costruzione di questa revisione – ha concluso Fontana – è stata fatta un’importante azione di ascolto di tutte le parti interessate. Ringrazio per questo il grande lavoro la vicepresidente Moratti, la Direzione generale Welfare, il presidente della Commissione consigliare Emanuele Monti e tutti i componenti della stessa per i confronti avuti con le associazioni dei pazienti, i sindacati, i medici di medicina generale e tutti gli stakeholder pubblici e privati.

IL CRONOPROGRAMMA

La vicepresidente Letizia Moratti ha indicato un cronoprogramma dall’entrata in vigore della legge.

  • Entro 90 giorni istituzione dei distretti e nomina direttori;
  • Istituzione dei Dipartimenti di cure primarie e dei dipartimenti funzionali di prevenzione;
    entro 6 mesi:
  • Costituzione del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie infettive;
    entro 6 mesi dall’istituzione dei distretti:
  • Realizzazione delle Centrali Operative Territoriali;
  • Realizzazione degli Ospedali e delle Case di Comunità;
  • Ospedali di Comunità: 26 nel 2022, 19 nel 2023, 19 nel 2024;
  • Case di Comunità: 86 nel 2022, 65 nel 2023, 65 nel 2024;
    entro 3 anni: Completamento del potenziamento della Rete territoriale.

La proposta assegna un ruolo importante a Medici di Medicina Generale e ai Pediatri di libera scelta, alla telemedicina, alla formazione, alle università e alla ricerca.