Caso Maugeri. Formigoni dovrà risarcire alla Regione 47 milioni di euro

Tempo di lettura: 1 minuto

La Corte dei Conti ha condannato l’ex governatore sul caso Maugeri

Contestato un danno erariale da 47 milioni di euro

MILANO – E’ arrivata martedì mattina la condanna della Corte dei Conti della Lombardia nei confronti di Roberto Formigoni: l’ex presidente della Regione dovrà versare un maxi risarcimento di ben 47,5 milioni di euro in favore del Pirellone.

Con lui sono stati condannati in solido gli allora vertici della Fondazione Maugeri, Umberto Maugeri e Costantino Passerino, Pierangelo Daccò e l’ex assessore regionale Antonio Simone.

Formigoni è già stato condannato a 5 anni e 10 mesi di pena con l’accusa di corruzione per il caso dei rimborsi pubblici, oltre 200 milioni di euro, destinati alla Fondazione Maugeri e all’Ospedale San Raffaele, ottenuti in cambio di favori e benefit di cui avrebbe goduto l’allora presidente della Regione.

M5S: “Formigoni restituisca quanto ha tolto ai cittadini e alla sanità lombarda”

“Le condanne riempiono sempre di tristezza soprattutto quando si tratta di reati che hanno sottratto alla collettività milioni di euro che dovevano essere utilizzati per offrire servizi sanitari efficienti ai cittadini così Raffaele Erba, consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta la sentenza della Corte dei Conti

“Il danno fatto alla Lombardia da Formigoni è inestimabile, finalmente la giustizia sta dando le risposte che aspettiamo da anni. Chi difende ancora l’operato di Formigoni offende i cittadini. È assolutamente necessario non abbassare la guardia e garantire sempre maggiori controlli al fine di evitare che determinate situazioni, che vanno a discapito della collettività, si ripetano”,