Coronavirus. Conte: in Italia chiusa ogni attività produttiva “non essenziale” (video)

Tempo di lettura: 1 minuto

“Rallentiamo il motore produttivo del Paese ma non lo fermiamo”

Aperte farmacie, alimentari, servizi bancari, postali e assicurativi e i servizi pubblici (trasporti)e attività funzionali a quelle essenziali

ROMA – Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, questa sera, sabato, ha annunciato nuove misure per contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19.

In Italia da domani verrà chiusa, in tutta Italia, “ogni attività produttiva che non sia strettamente necessaria, cruciale, indispensabile a garantirci beni e servizi essenziali”.

Resteranno aperte: farmacie, parafarmacie, supermercati, negozi di generi alimentari e di prima necessità (nessuna riduzione sugli orari di apertura), servizi bancari, postali, bancari assicurativi, servizi pubblici come i trasporti e le attività connesse, accessorie a quelle funzionali.

Conte ha dichiarato: “Rallentiamo il motore produttivo del Paese ma non lo fermiamo. E’ una decisione non facile. E’ la crisi più difficile che l’Italia sta vivendo dal secondo dopo guerra”, ribadendo l’importanza di “rispettare tutte le regole“.

Conte, nell’introduzione del suo discorso, ha dedicato un pensiero a tutte le persone che hanno perso la vita e alle rispettive famiglie: “La morte di tanti concittadini è un dolore che ogni giorno si rinnova. Questi decessi, per i valori con cui siamo cresciuti e per i valori che condividiamo, non sono semplici numeri, sono persone, sono storie di famiglie che perdono gli affetti più cari”.