Fragomeli (PD): “Sbloccati 160 milioni per sostenere i piccoli comuni”

Tempo di lettura: 2 minuti
Gian Mario Fragomeli

L’annuncio del parlamentare lecchese del Partito Democratico

“Sbloccato l’iter per i 160 milioni di euro del piano di riqualificazione”

LECCO – “Una buona notizia per le amministrazioni locali: è stato sbloccato l’iter del DPCM relativo al Piano nazionale per la riqualificazione dei piccoli comuni,per la parte relativa all’art. 3 della legge 158/2017. Ciò significa che i 160 milioni stanziati dalla legge potranno sostenere i piccoli comuni italiani dal punto di vista tecnico, amministrativo e funzionale nelle complesse fasi di attuazione del PNRR”.

Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese della Brianza e Capogruppo PD in Commissione Finanze, riassume così la risposta del Ministero all’interrogazione presentata dal Partito Democratico e recentemente discussa in Commissione Ambiente, Lavori Pubblici e Territorio della Camera dei Deputati.

“Al Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile – continua – abbiamo chiesto lo sblocco dei provvedimenti attuativi di spesa della legge, essendo trascorsi ormai 4 anni dalla data di approvazione della legge. La Viceministra Bellanova ci ha quindi assicurato che si è provveduto alla redazione dello schema di DPCM relativo al Piano che verrà sottoposto alla Conferenza unificata per la prescritta intesa nella prima seduta utile. L’on. Bellanova ha infine evidenziato che i competenti uffici del MIMS hanno già predisposto una nota metodologica per l’individuazione dei criteri di selezione dei progetti e di attribuzione dei punteggi per ciascuna tipologia di intervento, da inserire nei bandi pubblici che saranno predisposti dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri”.

“In questo particolare momento storico – conclude Fragomeli – le risorse stanziate con questa legge possono essere decisamente importanti per le piccole amministrazioni locali. Per questo, occorre sbloccare rapidamente tali risorse e premiare così i comuni che decideranno di lavorare insieme secondo i principi sanciti dalla norma medesima”.