Olimpiadi, Antonio Rossi: “Cercheremo di coinvolgere tutti i comprensori”

Tempo di lettura: 2 minuti

“Una grande emozione, abbiamo portato le Olimpiadi in Lombardia”

Sottosegretario ai Grandi Eventi Sportivi, Rossi è l’uomo chiave di Regione

LECCO – “E’ stata una grandissima emozione, il nostro dossier è piaciuto molto. Quando siamo arrivati a Losanna non eravamo i favoriti, gli ultimi voti li abbiamo spostati con la presentazione tecnica che si è tenuta in mattinata, tutti sono stati molto bravi. Il pomeriggio, poi, è stato un momento fantastico”.

All’indomani del lieto verdetto che ha assegnato le Olimpiadi invernali 2026 a Milano-Cortina, è ancora viva nelle parole e nel volto di Antonio Rossi la sensazione di quel momento. L’ex campione olimpionico lecchese di canoa è uno degli uomini chiave di questo successo italiano e, come sottosegretario ai Grandi Eventi sportivi di Regione Lombardia, sarà al centro della macchina organizzatrice.

“Abbiamo portato le Olimpiadi in Lombardia, è incredibile pensare che Bormio, Livigno la Valdidentro saranno sedi delle gare. Lecco è nel mezzo e bisogna intervenire per migliorare i collegamenti ferroviari e le infrastrutture stradali, la SS36 e anche la Lecco Bergamo per agevolare i collegamenti con Orio, uno dei principali aeroporti lombardi”.

Rossi annuncia che è già stato istituito un tavolo territoriale “per capire quali sono le urgenze e attendiamo la nomina del commissario straordinario alla SS36. Lo svincolo di Piona e il peduncolo di Dervio possono giocare un ruolo importante in caso di emergenza”.

Gare anche nel lecchese? “Difficile, ma coinvolgeremo tutti i comprensori”

Riguardo alle gare, “difficilmente potranno ricadere sul lecchese – spiega Rossi – per la mole di spettatori che ci saranno per vedere le gare e che i nostri impianti di funivia non sono in grado di trasportare velocemente sulle piste. Dobbiamo però far capire, a quanti verranno, che gli impianti più vicini, per chi vuole sciare e arriva da Milano, sono a Lecco”.

“Non saranno le olimpiadi di Milano e della Valtellina – assicura Rossi – lavoreremo per coinvolgere tutti i comprensori, che potranno essere sede di allenamento delle delegazioni nazionali. Stiamo già prendendo accordi con la Cina, che ospitano le olimpiadi nel 2022, per portare i loro sportivi e turisti a sciare in Lombardia”.