Ticket ed Esenzione. Straniero a Moratti: “Mantenga l’impegno preso sulle sanzioni”

Tempo di lettura: 2 minuti

L’intervento del consigliere regionale Raffaele Straniero (PD)

Sulle sanzioni arrivate ai cittadini per il mancato pagamento del ticket, l’appello all’assessore Moratti

LECCO- Di seguito riportiamo l’intervento di Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd, rivolto alla vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia Letizia Moratti, in merito alle multe arrivate a centinaia di cittadini, in particolare pensionati, sanzionati per non aver pagato i ticket sanitari in quanto convinti di disporre ancora dell’esenzione per reddito:

“Nonostante quanto detto in Aula dalla vicepresidente e assessora al Welfare Moratti, ancora il 5 aprile scorso, quando, rispondendo a una nostra interrogazione, si era assunta l’impegno di dare un riscontro, in legge di semplificazione, a quei cittadini che sono stati sanzionati per non aver pagato i ticket, convinti di avere ancora l’esenzione per reddito, alla fine non è stato previsto nulla in questo senso.

Noi stiamo cercando di capire come venirne fuori andando incontro a queste persone e la Moratti, in Aula, durante l’ultima seduta, ancora incalzata dal Pd, ha promesso che ai cittadini verranno fatti pagare solo i ticket, anche arretrati, ma poi provvederà Regione a mettere le risorse necessarie, in assestamento di bilancio, per coprire i costi delle sanzioni che invece non verranno più richiesti.

Faremo il possibile affinché questa volta sia vero. Voglio sottolineare che questi utenti si sono trovati una sanzione perché, in buona fede, non avevano pagato il ticket su visite ed esami. Non sono i soliti furbetti, ma in maggioranza persone anziane o in condizioni di difficoltà, disponibili a regolarizzare la situazione, e vanno trattati con la dovuta attenzione.

Chiedevamo che fosse loro risparmiata la sanzione amministrativa e che fosse previsto il ravvedimento operoso, come del resto è stato negli ultimi tre anni. È davvero incomprensibile che la Giunta regionale non abbia ancora voluto risolvere questo problema ed è deprecabile che la Moratti abbia disatteso un impegno già assunto in Aula. Non è così che si trattano cittadini onesti, colpevoli al più di una disattenzione”. 

Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd