Treni in ritardo e risarcimenti, Straniero (PD): “Esperimento Trenord fallimentare”

Tempo di lettura: 1 minuto
Il consigliere regionale Raffaele Straniero (PD)

“Anche a settembre il servizio ferroviario è peggiorato”

Il consigliere regionale Raffaele Straniero punta il dito contro Trenord

LECCO – I treni non sono puntuali e Trenord è costretto a risarcire i pendolari. A puntare il dito è il consigliere regionale Raffaele Straniero (PD): “Anche a settembre scorso il servizio ferroviario è peggiorato, nonostante gli annunci di Trenord e di Regione Lombardia. A confermarlo sono i dati sui bonus di dicembre appena pubblicati che andranno a ‘risarcire’ anche i pendolari lecchesi perché non è stata rispettata la soglia di puntualità. Sulle linee Lecco-Molteno-Monza-Milano, Lecco-Bergamo-Brescia e Lecco-Carnate-Milano non sono stati rispettati gli standard minimi e quindi anche questa volta Trenord sarà costretta a garantire il bonus del 30% di sconto sugli abbonamenti”.

“L’esperimento di Trenord si conferma fallimentare. Per questo il Partito democratico continua la raccolta firme per dire #bastatrenord e chiedere treni puntuali, affidabili e puliti – aggiunge Straniero –. Ricordiamo che il prossimo anno il Contratto di servizio scade: chiediamo a Regione Lombardia di superare questa gestione. Si può sottoscrivere la petizione anche online su change.org”.