Il candidato a sindaco di Abbadia svela il nome della lista

Con lui, al confronto con i cittadini, anche i giovani della sua squadra

ABBADIA – Non è un nome scelto casualmente quello con cui Roberto Azzoni e il suo gruppo hanno deciso di intitolare la lista che sosterrà la sua corsa a sindaco: “Progetto Abbadia”.

Tante sono infatti le idee e i progetti che l’unico candidato a primo cittadino di Abbadia, capace di mettere d’accordo sulla sua nomina sia il centrodestra che centrosinistra, si prepara a proporre ai propri concittadini.

Un’anteprima del programma elettorale si è avuta durante la serata di venerdì, in un incontro molto partecipato alla Sala Civica, alla presenza anche del sindaco uscente Cristina Bartesaghi, dell’ex sindaco Rocco Cardamone  e del consigliere comunale e provinciale Mattia Micheli.

“Abbadia è un paese che ha delle potenzialità enormi e che possono emergere anche partendo dalle cose ordinarie, facendo della nostra cittadina un posto sempre più vivibile – ha spiegato Azzoni rivolgendosi al pubblico – ci sono delle questioni importanti come la viabilità, con al primo posto la necessità di realizzare una rotatoria all’incrocio di Novegolo, il turismo che non può essere visto come problema ma come una possibilità per il nostro Comune e la pista ciclabile, che ci tocca da vicino pur non essendo di nostra diretta competenza. Su questi due temi non dobbiamo lasciare nulla di intentato e continuare ad insistere con Rfi e con la Provincia”.

Turisti e parcheggi

Tra le questioni portate da Azzoni all’attenzione dei suoi concittadini c’è la gestione dei parchi, il regolamento dell’area lago durante l’estate per evitare situazioni non decorose o che possano arrecare disturbo alla fruizione della spiaggia (fuochi, cani senza guinzaglio, assembramenti e addirittura gazebo montati dai bagnanti).

Correlato alla questione del turismo, e all’arrivo di centinaia di persone durante i fine settimana per godersi la spiaggia, è il tema dei parcheggi: Progetto Abbadia punta a riservarne il 20-30% ai residenti, con posteggi a ‘righe gialle’ , e semplificare il pagamento per i turisti integrando al sistema dei gratta e sosta anche una App dedicata. Nel frattempo, già questa estate anche i parcheggi del Pradello dovrebbero diventare a pagamento. Lì’ si punta a realizzare una struttura di ristoro da assegnare in gestione ad un operatore privato.

Cultura e giovani

La biblioteca diventerà un punto di incontro per i giovani e si cercherà di accorpare le scuole elementari e medie in un unico polo scolastico, liberando uno degli edifici per realizzare un centro polifunzionale.

Attraverso bandi pubblici si tenterà di riqualificare la struttura del Museo Setificio, mentre per gli eventi culturali si vuole rafforzare la partnership con il vicino comune di Mandello. Anche i Piani Resinelli saranno luogo di eventi e manifestazioni.

Sono stati i giovanissimi del gruppo (Luca Baldin, Aurora Radogna, Luca Baldin, Elisa Cirillo, Pietro Radaelli e Paola Elia) ad elencare uno dopo l’altro i progetti pensati per il proprio paese, illustrandone il contenuto con una maturità ed una sicurezza degna di amministratori d’esperienza.

“Sono la parte giovane della lista – ha sottolineato Azzoni – Hanno risposto con grande entusiasmo alla proposta di impegnarsi per Abbadia e porteranno tutta la loro freschezza. Ad affiancarli non mancheranno persone con competenza che li guideranno nell’esperienza amministrativa”.