Cambia Merate interroga sul Pnrr per conoscere le intenzioni della Giunta

Tempo di lettura: 2 minuti

La minoranza vuole sondare le intenzioni della Giunta sul Pnrr con particolar riferimento ai progetti per le scuole

Tra le richieste quella di potenziare i posti previsti all’asilo nido comunale per favorire l’occupazione femminile

 

MERATE – Un’interrogazione per sondare le intenzioni dell’amministrazione comunale in merito ai progetto da finanziare tramite il Pnrr, il piano nazionale di ripresa e resilienza, con particolar riferimento a interventi riguardanti le scuole e l’offerta formativa. E’ quanto ha presentato il gruppo di opposizione Cambia Merate, ricordando non solo l’enorme occasione fornita con questo strumento per accelerare le riforme strutturali del Paese, ma anche come proprio i Comuni siano oggetti attuatori degli investimenti di alcune componenti delle missioni previste dal piano”.

Da qui le domande avanzate alla Giunta guidata dal sindaco Massimo Panzeri per conoscere “quali aree o missioni l’Amministrazione comunale ritiene di voler privilegiare al fine di usufruire delle potenzialità dei fondi messi a disposizione dal PNRR; per quali bandi di prossima scadenza l’Amministrazione intende presentare domanda e se l’Amministrazione sia coinvolta in progetti sovracomunali e in caso affermativo, in quali ambiti e con quali Comuni”.

Non solo. I consiglieri capitanati da Aldo Castelli chiedono se, “considerate le disponibilità economiche messe a disposizioni dal PNRR per la creazione di 228.000 posti di asili nido e scuole dell’infanzia in Italia, l’Amministrazione comunale intenda in particolare accedere al bando in corso per lo sviluppo dei posti nell’asilo nido di Merate, infrastruttura nodale per favorire lo sviluppo dell’occupazione femminile così come definito nella missione quattro, nonché obiettivo trasversale della parità di genere” e se, “con i fondi messi a disposizione dalla missione quattro intende potenziare la cablatura e sviluppare la rete wireless dell’Istituto Comprensivo di Merate”.