Osnago, ben tre donne nella Giunta del Brivio bis

Tempo di lettura: 4 minuti

Il sindaco che terrà per sé le deleghe all’Urbanistica, Bilancio, polizia locale e comunicazione, mobilità e viabilità: primo consiglio martedì 11 giugno

Maria Grazias Caglio sarà il vice di una Giunta a trazione femminile. Rocca, recordman di preferenze, seguirà lavori pubblici e ambiente

OSNAGO – Osnago è un Comune sempre più… rosa. Dopo l’elezione in Consiglio Comunale nelle file del gruppo di maggioranza di Progetto Osnago di ben cinque consiglieri donna su otto, l’attenzione alle quote rosa si è vista anche nella scelta della Giunta. Ben tre su quattro  assessori sono infatti esponenti del gentil sesso, con Maria Grazia Caglio chiamata ad assumere il ruolo di vice sindaco. Una scelta che, secondo alcuni ha un po’ penalizzato le 152 preferenze assegnate dall’elettorato all’assessore uscente Felice Rocca, ma che il sindaco difende e argomenta. “Sicuramente Felice avrebbe meritato l’incarico di vice, ma abbiamo voluto rispettare gli equilibri di genere e abbiamo voluto rendere ancora più emblematico il fatto che il nostro Consiglio e la nostra Giunta siano caratterizzati da una ricca rappresentanza di donne”.

Maria Grazia Caglio, vice sindaco e assessore a Cultura, tempo libero, pace e integrazione

Maria Grazia Caglio

Già assessore nella Giunta uscente, Caglio vede confermate le sue deleghe a cultura, tempo libero, pace e integrazioni, ambiti nei quali le amministrazioni comunali di Osnago hanno sempre creduto e sostenuto molto. “Non dimentichiamo anche che Grazia svolge un incarico a livello intercomunale provinciale nell’ambito della cooperazione e della pace”.

Felice Rocca, assessore ad Ambiente, Lavori pubblici, Sport e politiche giovanili

Felice Rocca, record man di preferenze alle elezioni del 26 maggio, si occuperà invece di ambiente, lavori pubblici, attività produttive,
 sport e politiche giovanili. Lasciando, anche se a malincuore, la delega dell’istruzione, settore in cui Rocca si era speso molto, impegnandosi anche attivamente all’interno del consiglio intercomunale dei ragazzi.

Felice Rocca

“Lascia un ambito in cui si era speso molto, lavorando bene e si occuperà ora di due assessorati importanti e corposi, come i lavori pubblici e l’ambiente. Sono sicuro che Felice riuscirà a fare molto bene anche qui. Nel nostro programma elettorale abbiamo messo nero su bianco l’intenzione di puntare molto sull’innovazione in campo ambientale e sono convinto che lui abbia il dinamismo giusto per muoversi bene in questo contesto”. Anche dal punto di vista dei lavori pubblici, Rocca sarà chiamato ad affrontare e gestire tutto quello che deriva, in termini di opere e investimenti pubblici, dal piano commerciale delle Marasche, approvato poche settimane fa dalla Giunta Brivio. L’intervento ha visto ormai concluso il suo iter di programmazione urbanistica e si appresta ora, dopo la firma (prevista tra non molto) dal notaio della convenzione tra società lottizzante (Sa.Fer di Brescia) e Comune, a diventare realtà dal punto di vista edilizio.

Tra le priorità la progettazione della Cassinetta e l’iter edilizio del piano Marasche

Il Comune incasserà, solo come oneri di urbanizzazione, un milione e 600 mila euro. Parte di questi soldi andranno per il progetto di riqualificazione della Cassinetta, immobile acquistato anni fa dal Comune e rimasto fermo per decenni. L’intenzione è ora ristrutturare l’edificio e trasformarlo in un centro per le fragilità, con particolare riferimento agli anziani. “E’ un obiettivo che va tradotto in un progetto” sottolinea il sindaco che terrà per sé le deleghe all’Urbanistica, Bilancio, polizia locale e comunicazione. Attivo e conosciuto anche al di fuori dei confini di Osnago, Brivio terrà per è anche due argomenti tipicamente di interesse sovracomunale come la mobilità e la viabilità.

Diana Maggioni, assessore all’Istruzione

Diana Maggioni lascerà i servizi sociali andando a occuparsi di educazione e istruzione, raccogliendo quindi il testimone di Rocca. Tra gli obiettivi quello di arrivare a creare un polo unico dell’infanzia che, pur mantenendo le reciproche identità e specificità, permetta ai bambini di vivere con continuità il passaggio dal nido (comunale) alla scuola materna (ente morale).

Diana Maggioni

Tra i progetti che la neo Giunta dovrà vagliare c’è infatti quello della costruzione di un nuovo e spazioso asilo nido proprio negli spazi vicini alla scuola materna parrocchiale.

Antonella Rampichin, assessore ai Servizi sociali

Si occuperà invece di Servizi sociali Antonella Rampichin, volto nuovo dell’”esecutivo” Brivio. A lei spetterà anche la rappresentanza del Comune di Osnago nella conferenza dei sindaci ambito Ats, in retesalute e in tutto ciò che può essere contraddistinto come welfare di comunità.

A lei spetterà anche la gestione dei servizi di prossimità, la lotta alla povertà e al disagio sociale, nonché i rapporti con le associazioni di volontariato sociale.

Le deleghe verranno comunicate martedì 11 giugno nel corso del primo consiglio comunale del Brivio bis.