Statale 36, Tentori: “Dal Governo una risposta che non soddisfa”

Tempo di lettura: 2 minuti

LECCO – Dopo il disastro causato dalla chiusura della Galleria Monte Piazzo disposta da ANAS nel mese di maggio l’onorevole lecchese Veronica Tentori (PD) aveva chiesto al Governo accertamento delle responsabilità dell’accaduto e rassicurazioni sul carattere risolutivo degli interventi.

Una risposta giunta mercoledì in Commissione Ambiente, nella quale il sottosegretario ha confermato che le opere sulla Galleria, nonostante le difficoltà intervenute, saranno ultimate nel mese di giugno 2014 e che gli interventi straordinari in atto sono risolutivi per il problema che si è verificato.

“Non ho potuto tuttavia ritenermi del tutto soddisfatta della risposta” ha dichiara Tentori “pur riconoscendo il merito di aver accelerato le opere per poter ripristinare in tempi rapidi la viabilità dell’arteria. Infatti siamo ancora di fronte ad un intero territorio collegato al resto del Paese attraverso un’arteria depotenziata, con tutto ciò che ne consegue.”

“Ora che è stata superata questa emergenza – ha proseguito l’onorevole – ho chiesto che il Ministro, oltre a seguire con la massima attenzione la situazione e proseguire la fase di controllo e monitoraggio, si attivi con gli enti locali del territorio per mettere in campo una programmazione degli interventi infrastrutturali sul tratto Lecco-Colico quali il Peduncolo di Dervio e lo svincolo di Piona. Questo permetterebbe di pianificare ed attuare in caso di nuova emergenza una viabilità alternativa efficace per non isolare un intero territorio, per altro a vocazione turistica, e quindi evitare conseguenze economiche e ambientali devastanti.”

Tentori ha poi voluto sottolineare “l’importanza del potenziamento della linea ferroviaria Lecco-Sondrio, per garantire i collegamenti anche in un’ottica di sostenibilità ambientale e riduzione del traffico su gomma, oltre al completamento della pista ciclabile Lecco-Abbadia, sulla quale ho depositato una specifica interrogazione al Governo”.