Tariffa puntuale. Consonni: “Il M5S sfonda una porta aperta”

Tempo di lettura: 2 minuti
Il sindaco Alessandra Consonni
Il sindaco Alessandra Consonni
Il sindaco Alessandra Consonni

 

BALLABIO – “Gli esponenti del M5S sfondano una porta aperta”. Il sindaco Consonni risponde così alle dichiarazioni dei Cinque Stelle di Ballabio che hanno incalzato il sindaco sull’adozione della tariffa puntuale sui rifiuti.

“Abbiamo l’assoluta volontà di far partire quanto prima la sperimentazione e siamo disponibili per ogni contributo qualificato, come certamente sarebbe quello che loro ci offrono – spiega il primo cittadino – Una preghiera: evitiamo ipotesi campate per aria, quali il presunto ‘ammorbidimento nei confronti di Silea’. Se riusciamo ad ottenere (oltretutto fuori tempo massimo, visto che sulla Tari le decisioni sono state prese durante la precedente amministrazione) qualche vantaggio supplementare per Ballabio non significa che ci facciamo “lusingare” da chi gestisce il servizio di smaltimento rifiuti”.
Consonni invita ad avere “calma e sangue freddo”, che “con buon senso e buona volontà giungeremo a capo di tutto”.

“L’idea che, sulla raccolta puntuale, Ballabio diventi il Comune “trainante” nella realtà provinciale ci lusinga (questo sì) molto! In giunta abbiamo assessori con adeguate competenze anche in materia ambientale, ma è certo che la “completa disponibilità all’attuale giunta per approfondire quanto già di nostra conoscenza sul tema della tariffa puntuale” offertaci da un movimento in prima linea su queste tematiche, come il M5S, ci interessa particolarmente. Penso ad un tavolo di lavoro anche con la presenza del M5S di Ballabio per far partire la sperimentazione. Ne parleremo abbastanza presto, mi piacerebbe se la cosa partisse già entro la fine di ottobre…”