Avis di Calolzio. La lettera ai donatori nell’emergenza coronavirus

Tempo di lettura: 3 minuti
La presidentessa Roberta Galli

L’associazione dona ai soccorritori un sanificatore per le ambulanze

E la presidentessa Galli: “Sarà possibile sottoporre tutti i donatori Avis della Regione Lombardia ai test sierologici”

CALOLZIOCORTE – Le misure di distanziamento sociale per arginare la diffusione del coronavirus rendono più complessa l’attività della sezione calolziese dell’Avis che però non si ferma. La presidentessa, Roberta Galli, raggiunge i donatori con una lettera. 

“Cara donatrice e Caro donatore,
come Presidente della Comunale AVIS di Calolziocorte giungo a te con un breve scritto per dirti che quanto sta accadendo nel nostro Paese ci trova costretti, per il bene di tutti noi
e del nostro prossimo, a “fermare” la nostra attività associativa di aggregazione, ma non i valori che sono alla base dell’Avis: il dono e la solidarietà. Io e i membri del mio Consiglio Direttivo stiamo cercando, nel migliore dei modi e per quanto permesso dai vari Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri e dalle Circolari AVIS, di portare avanti l’attività della programmazione delle donazioni e del reclutamento dei nuovi associati. In questa attività non sempre è facile sposare la voglia di donare di molti di voi, allo scopo di aiutare il prossimo ed essere presenti in questo periodo di emergenza, e la burocrazia, la sicurezza a tutela della salute di tutti e, a volte, anche la paura e il timore di ciascuno di noi nel vivere la donazione. Per questo ti chiedo di segnalare alla mail dell’associazione (aviscalolzio@gmail.com) quanto di particolare si potrebbe manifestare sia prima della donazione, sia durante che dopo, allo scopo di migliorare ancora di più l’organizzazione e la gestione della nostra Comunale e dei vari centri di raccolta, offrendoci in tuo diretto contributo. Ti invito sempre e comunque a rispettare l’orario dell’appuntamento che ti viene assegnato, priorità in questo periodo di emergenza sanitaria in cui tutto si deve “incastrare” alla perfezione al fine di poter operare in sicurezza sia per te che per gli altri. Per motivi organizzativi della nostra Comunale desidero informati che la risposta alle mail per la
programmazione delle donazioni ti verrà data per il giovedì successivo all’invio e solo in caso di urgenza non esitare a contattarci telefonicamente.
Una nota importante è che nel prossimo futuro sarà possibile sottoporre tutti i donatori AVIS della Regione Lombardia ai test sierologici, ti terrò informato sui tempi e le modalità, appena avremo notizie più precise.

Prima di salutarti, ti voglio rendere partecipe di alcune iniziative in corso e già realizzate dalla nostra Associazione in questo periodo di “fermo”. In particolare, con l’avvicinarsi della Giornata mondiale della donazione del sangue, calendarizzata per il 14 giugno, AVIS Calolzio sarà presente con gli ormai “tradizionali” sacchetti del pane personalizzati AVIS, che verranno distribuiti nei panifici e nei negozi di generi alimentari dei comuni di Calolziocorte ed Erve e che con l’alimento quotidiano raggiungeranno le famiglie del nostro territorio. Inoltre la nostra Associazione all’inizio del periodo di pandemia ha sostenuto, cercando di alleviare, il prezioso lavoro dei Volontari del Soccorso di Calolziocorte, donando loro una macchina per la sanificazione delle Ambulanze.

Certa della tua vicinanza all’Associazione, garantisco la nostra a te!
Ti ringrazio per quanto hai fatto finora e per quanto farai in futuro, sperando di poterci ritrovare e incontrare nelle varie iniziative comunitarie che hanno sempre caratterizzato la nostra Associazione e soprattutto alla nostra Festa del Donatore che quest’anno festeggia i 55 anni”.

Roberta Galli
Presidente AVIS Calolziocorte
unitamente ai Membri del Consiglio Direttivo