Calolzio, rientro a scuola. Il sindaco Ghezzi scrive alle famiglie

Tempo di lettura: 2 minuti
Il sindaco Marco Ghezzi

La lettera del sindaco Ghezzi alle famiglie: “Poche certezze ma stiamo lavorando per un rientro dignitoso”

“Le classi non saranno sdoppiate, anche perché al momento mancano gli insegnanti”

CALOLZIO – “Sempre più genitori si rivolgono preoccupati in Comune per avere informazioni sulla riapertura delle scuole. Purtroppo i ritardi e le inadeguatezze del Ministero non ci consentono di fornire garanzie in tal senso”.

Il sindaco di Calolzio Marco Ghezzi scrive personalmente alle famiglie parlando della situazione scuola in vista della riapertura nel mese di settembre dopo i lunghi mesi dell’emergenza sanitaria. Nonostante le tante difficoltà Ghezzi ha voluto rassicurare i genitori e le famiglie: “L’obiettivo dell’Amministrazione comunale è quello di assicurare un’aula per classe in modo da garantire la continuità didattica”.

“Quindi niente sdoppiamenti (salvo decreti dell’ultima ora), anche perché al momento mancano gli insegnanti – ha detto Ghezzi – Noi cercheremo di arrivare in tempo per metà settembre e stiamo già lavorando da un paio di settimane, nonostante la totale assenza di certezze dal Ministero e la difficoltà a interpretare le linee guida, spesso in contraddizione con i decreti”.

“Noi abbiamo strutture vecchie con aule piccole e quindi il lavoro è tanto, però dovremmo farcela, anche ad evitare più turni per le mense. Tra l’altro, la società che prepara i pasti è stata venduta la scorsa settimana attraverso il tribunale e quindi dobbiamo aspettare che si completi il complesso iter burocratico, prima di prendere contatti col nuovo fornitore, per decidere come programmare l’erogazione dei pasti”.

“Nessuna certezza anche sugli orari. Insomma, al momento tutto è lasciato alla libera interpretazione e alla buona volontà di sindaci e presidi, su cui vengono scaricate le responsabilità, come è già avvenuto durante tutta la fase emergenziale del Covid”.

“Non commento tutto quanto dichiarato da governo e ministro sui media in queste settimane, ma certo non aiuta e dà la sensazione di improvvisazione – ha concluso il sindaco -. Ringrazio tutti quelli che lavoreranno anche in agosto (assessori, imprese, dipendenti comunali), per garantire una dignitosa riapertura della scuola a Calolziocorte. La situazione è complicata ma ce la stiamo mettendo tutta, anche da un punto di vista economico. Stesse problematiche per la riapertura dell’asilo nido, per il quale mancano ancora le linee guida. Noi comunque siamo pronti, ma se ridurranno il rapporto educatrice-bambini, saremo però costretti a diminuire i posti disponibili”.