A Venezia un premio per mons. Milani e il suo cinema Aquilone

Tempo di lettura: 2 minuti
Il prevosto Mons. Davide Milani

Premio Carlo Lizzani Speciale per mons. Davide Milani e agli oltre cento volontari

Valorizzato l’impegno per la rinascita del vecchio cinema parrocchiale Aquilone

VENEZIA – Emozioni lecchesi a Venezia: la giuria del premio Carlo Lizzani 2021, premio collaterale rispetto ai “Leoni d’oro”, ha deciso di attribuire un Premio Carlo Lizzani Speciale “a una personalità illustre del settore che ha recentemente compiuto un’azione di grande concretezza e di altissimo valore simbolico: monsignor Davide Milani e i cento volontari di Lecco che hanno riaperto, dopo una chiusura di quarant’anni, la sala della loro città, ora intitolata Cinema Nuovo Aquilone”, scrive l’Associazione Nazionale Autori Cinematografici nel comunicato ufficiale della premiazione.

Premiato dunque l’impegno per la riqualificazione della sala parrocchiale dell’ex-Aquilone chiusa da decenni e recentemente ultimata, un progetto reso possibile dal sostegno di Fondazione Cariplo e dalla passione dei cento volontari che si sono formati a distanza, nei mesi della zona rossa, per poter essere operativi oggi, per l’inizio della programmazione he sarà presto svelata.

I lavori al cinema Aquilone

In questo difficile anno 2021, nel corso del quale le sale sono state solo parzialmente aperte, la giuria, composta dal Presidente dell’ANAC, Francesco Ranieri Martinotti, Flaminia e Francesco Lizzani, Emanuela Piovano, hanno rivolto simbolicamente il riconoscimento a tutte le sale che hanno riaperto, individuandone in particolare tre che a loro avviso hanno meglio espresso la volontà di ripartire e di rimettersi in gioco, riallacciando rapidamente il rapporto con il pubblico.

La sala del cinema Aquilone restaurata

La premiazione avverrà oggi pomeriggio, venerdì, nello Spazio della Fondazione Ente dello Spettacolo all’l’Hotel Excelsior nel Lido di Venezia alla presenza di Giovanna Pugliese, responsabile della Direzione cinema Regione Lazio e Luciano Sovena, presidente della Roma Lazio Film Commission.