Cena “antivirus”, anche chef Derflingher dice “no” al pregiudizio

Tempo di lettura: 1 minuto

L’evento a Milano nel cuore di Chinatown

Euro-Toques Italia contro la psicosi da Coronavirus

LECCO – Al Jubin di Milano, nel cuore di una Chinatown ancora illuminata e decorata dalle lanterne del “Capodanno del Topo”, è andata in scena una cena “antivirus” organizzata da Italia a TavolaEuro-Toques Italia per lanciare un segnale contro la psicosi da Coronavirus.

In prima linea per dire “no” al pregiudizio insieme ad altri chef europei e cinesi, mercoledì scorso a Milano, c’era anche il lecchese Enrico Derflingher, presidente Euro-Toques Italia. Lo chef lecchese ha cucinato il suo celebre risotto Queen Victoria, amatissimo dalla regina Elisabetta. In sala, con Enrico Derflingher, presidente Euro-Toques Italia, molti cuochi associati e ristoratori dell’area milanese e lombarda che hanno voluto (in una giornata lavorativa) dare il proprio contributo affettivo. Presente la direttrice dell’ufficio consolare cinese di Milano Lei Cai.