Lago. Bagni vietati alla Malpensata dopo le analisi di ATS

Tempo di lettura: 2 minuti
Spiaggia della malpensata lecco

Escherichia coli oltre i limiti nelle acque antistanti la Malpensata a Lecco

Bagni vietati anche nei tratti di lago e torrenti non monitorati da ATS

LECCO – Escherichia Coli in concentrazione maggiore di 1.000 UFC (unità formanti colonia) ogni 100 millilitri e di Enterococchi Intestinali in concentrazione maggiore di 500 UFC ogni 100 millilitri: è quanto riscontrato da ATS negli ultimi campionamenti effettuati nelle acque della località Malpensata a Lecco e che ha spinto di conseguenza il Comune a fare un’ordinanza martedì per istituire il divieto di balneazione.

Un’area, quella della Malpensata, che è stata parecchio frequentata in questo periodo dagli amanti della tintarella perché, complice la siccità, da qualche settimana ormai si era creata un’ampia spiaggetta di fronte alla statua di San Nicolò.

Il divieto dovrà essere fatto rispettare dalla Polizia Locale e sono previste multe dai 25 fino ai 500 euro per i trasgressori.

In una precedente ordinanza, l’amministrazione comunale aveva già ribadito che “le acque superficiali non incluse nell’elenco delle acque di balneazione periodicamente sottoposte a controlli da parte della competente Agenzia per la Tutela della Salute (ATS Brianza), sono da considerarsi non adibite alla balneazione” ovvero tutte tranne che la Località Pradello, l’area della Canottieri e Rivabella che sono sottoposte a controllo periodico e dichiarate balneabili.

Nella lista delle acque non adibite a balneazione sono compresi anche “tutti i corsi d’acqua torrentizi, sia in zona urbana, sia nella fascia pedemontana”.

Questo, spiega il Comune, per “la necessità di garantire la massima sicurezza nella fruizione degli spazi pubblici con particolare riferimento ai rischi connessi all’aumento dei flussi turistici legati al periodo estivo prevenendo quelle situazioni che potrebbero generare rischi di incolumità per la cittadinanza e rimuovendone le cause”.

Il Comune di Lecco ha ribadito anche il divieto di assembramento e il rispetto del distanziamento sociale “ lungo tutta la linea di costa del territorio comunale di Lecco dal confine con il Comune di Abbadia Lariana fino al confine con il Comune di Vercurago” per via della pandemia.