Qualità della vita: Lecco scende al 49° posto nella classifica del Sole 24 Ore

Tempo di lettura: 2 minuti

Lecco perde posizioni nella classifica della Qualità della Vita del Sole 24 Ore

Male l’ambito della cultura e del tempo, meglio per ricchezza media e sicurezza

LECCO – Se nel 2018 aveva sfiorato la ‘top ten’, anche quest’anno Lecco è scesa nuovamente nella classifica del Sole 24 Ore, passando dalla trentesima posizione del 2019 alla 49esima dell’ultima edizione della classifica.

Prima di noi ci sono Belluno Mantova e Savona, mentre seguono in ordine di classifica la provincia di Verbano Cusio Ossola, quella di Grosseto e Bergamo. Sul podio ci sono le province di Bologna, Bolzano e Trento mentre le peggiori quest’anno sono la provincia di Crotone (ultima posizione), Caltanissetta e Siracusa.

A penalizzare il territorio lecchese è soprattutto l’ambito della cultura e del tempo libero che ci vede in 89esima posizione. Si sconta la bassa offerta culturale che ci vede agli ultimi posti in Italia per numero di spettacoli (104° posto in Italia), così per il numero di librerie (107°) ma anche di bar, ristoranti e piscine per quanto concerne la sfera del tempo libero. L’indice di sportività ci fa scendere, per effetto del Covid, all’80esima posizione.

Va meglio per quanto riguarda la sfera della ricchezza e dei consumi in particolare per importo medio delle pensioni di vecchiaia (1,3 mila euro mensili, 9° posto in Italia) per la puntualità nei pagamenti ai fornitori (4° posto) e per minor numero di protesti ( 11° posizione).

Premiano in ambito ambientale e dei servizi le riqualificazioni energetiche degli immobili (17esimi per spesa ad abitante), il basso indice di rischio climatico (22esimi), resta tra i piu bassi in Italia il numero di giovani che non studiano e non lavorano (13,9%, 22° posto).

Buon posizionamento anche per quanto riguarda l’ambito giustizia e sicurezza pur restando il problema dei furti in abitazione (395 denunce ogni 100 mila abitanti, 91esimo posto) ma con un indice di litigiosità ovvero di cause civili tra i più bassi in Italia (552 ogni 100 mila abitanti, 4° posto). L’indice di criminalità vede Lecco al 58esimo posto con 3117 denunce ogni 100 mila abitanti.

Un posizionamento, quello della provincia lecchese, che ha risentito (come le altre province italiane) dell’emergenza sanitaria in atto. Non a caso nella classifica 2020 è stato inserito il dato relativo ai casi di Covid registrati sul territorio e che vedono Lecco all’83esimo posto, nella parte alta della classifica, per diffusione del contagio con 33 casi ogni mille abitanti.

Tutti i parametri relativi alla qualità della vita a Lecco sono consultabili nel servizio pubblicato dal Sole 24 Ore (clicca qui)