Tagliati i pini a Malgrate, inutile il tentativo di WWF e Legambiente di salvarli

Tempo di lettura: 1 minuto

Al via i lavori dell’ultimo lotto del lungolago di Malgrate

Tagliati i pini che Legambiente e WWF hanno provato a difendere

MALGRATE – Nonostante il presidio di sabato e domenica da parte di Legambiente e WWF per cercare di salvare i pini sul lungolago di Malgrate, questa mattina sono cominciati i lavori di abbattimento dei “famosi” pini che nelle ultime settimana sono saliti alla ribalta delle cronache. Le due associazioni avevano avviato anche una campagna di raccolta firme sia durante il presidio che on-line, attraverso il sito change.org, dove sono state raccolte oltre 1300 adesioni.

Con l’abbattimento dei pini cominciano i lavori che daranno un nuovo volto anche all’ultimo lotto del lungolago di Malgrate.  Si tratta di un appalto da 800 mila euro che consentirà di terminare la riqualificazione della passeggiata sulla sponda malgratese. Questa ultima tranche prevede la sistemazione del tratto finale di viale Italia fino al ponte Kennedy, circa 700 metri. L’attuale parcheggio sul lato lago sarà eliminato per fare spazio al percorso ciclopedonale ma quei posti auto saranno recuperati nell’area di sosta sul lato a monte.