Treni, modificato l’orario: il diretto 2855 torna (per ora) a Milano Centrale

Tempo di lettura: 2 minuti

Modificato l’orario invernale di Trenord in vigore da oggi, domenica 13 dicembre

I pendolari: “Siamo parzialmente soddisfatti. Chiediamo alla Regione più attenzione a una linea importante come la Lecco – Milano”

LECCO – Salvato, in extremis, il diretto 2855 per Milano Centrale. E’ stato infatti modificato il nuovo orario invernale dei treni sulla tratta Milano – Lecco prevedendo che il diretto 2855 continui ad arrivare a Milano Centrale. E’ stata quindi scongiurato, almeno fino a giugno, il fatto che il convoglio, molto utilizzato dai pendolari della linea lecchese, sposti il capolinea nella stazione di Milano Rogoredo. Una decisione, quella che era emersa dalla pubblicazione dell’orario invernale, in vigore da oggi, domenica 13 dicembre, che aveva scatenato la vibrante protesta dei comitati pendolari del Lecchese, che oggi apprendono della modifica all’orario di Trenord con “parziale soddisfazione”.

I pendolari: “Siamo parzialmente soddisfatti”

In una lettera inviata all’assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi e al dirigente Struttura Servizio Ferroviario Regionale Regione Lombardia Massimo Dell’AcquaGiorgio Dahò e Francesco Ninno, rappresentanti dei Viaggiatori alla Conferenza Regionale del TPL a nome del Comitato Pendolari del Meratese, del Comitato Pendolari Lecco-Milano e del Comitato Trasporti Lecchese sottolineano infatti di non considerarsi  del tutto soddisfatti. E questo “sia perché la modifica della programmazione non lo è in modo definitivo, ma é legata alla durata dell’emergenza sanitaria in atto, sia perché ancora una volta i Rappresentanti dei Viaggiatori, i Rappresentanti dei Comitati dei Pendolari e le Istituzioni locali non sono stati ascoltati preventivamente, nemmeno dopo le nostre ripetute sollecitazioni”.

Più attenzione per la linea Milano – Lecco

Da qui l’invito:  “Rinnoviamo pertanto a Lei, Assessore Terzi, e a Lei, dottor Dell’Acqua, la richiesta urgente di un tavolo di confronto con i soggetti interessati per chiarirci con trasparenza quali siano i progetti a breve e lunga scadenza per una tratta, la Milano-Lecco, che muove ogni giorno migliaia di pendolari e che può e deve essere sempre più utilizzata dai turisti che da Milano si muovono verso la Brianza Lecchese, il lago di Como e la Valtellina. Riteniamo che l’avvio di un sereno confronto con i fruitori del Vostro Servizio sia necessario per agevolare l’individuazione di una programmazione dei servizi condivisa e che non solo non comporti disagi e allungamento dei tempi di percorrenza, ma sia al contrario migliorativa per i viaggiatori ed i pendolari della tratta”.

L’urgenza di convocare i tavoli di quadrante

Una considerazione a cui fa seguito una frecciatina finale: “In ogni caso, ci auguriamo che la nostra disponibilità ad avviare un confronto sereno non sia minata in futuro dalla pubblicazione di un nuovo orario ferroviario senza che prima siano stati convocati i Tavoli di Quadrante, così come previsto dall’art. 11 della L. 6/2012”.