Bellano, oltre 20 consegne ogni giorno di pasti e farmaci agli anziani

Tempo di lettura: < 1 minuto
Il sindaco di Bellano Antonio Rusconi

A pieno ritmo il servizio di spesa a domicilio organizzata dal Comune a Bellano

Alimenti e farmaci agli anziani per non esporli al rischio di Coronavirus

BELLANO – “Stiamo cercando di mettere in campo quanto possibile, sia dal punto di vista dell’informazione che dei servizi alle persone, soprattutto le più fragili”. Il sindaco di Bellano, Antonio Rusconi, racconta i momenti difficili anche per la comunità bellanese nei giorni della quarantena per il Coronavirus.

Proprio oggi, giovedì, Bellano ha pianto la sua prima vittima: Giuseppe Acerboni, già assessore a Vendrogno, che si è spento all’ospedale Sant’Anna di Como dove era ricoverato. Altri quattro cittadini bellanesi sono risultati positivi al Coronavirus.

Per evitare di esporre a rischi i soggetti più fragili, gli anziani, anche Bellano come altri comuni ha organizzato il servizio di consegna a domicilio della spesa che, nella cittadina lariana, ha riscontrato una forte domanda: “Il primo giorno erano solo sei richieste, adesso abbiamo superato le venti persone che usufruiscono del servizio – spiega Rusconi – le domande arrivano in Comune, vengono smistate ai negozianti che si sono dimostrati un vero tesoro per la nostra comunità”.

I volontari della Protezione Civile e quelli dell’Anticendio di Vendrogno si occupano di effettuare materialmente le consegne. “E’ sicuramente un grande impegno – conclude il sindaco – cerchiamo di portare loro non solo alimenti e farmaci ma anche un po di conforto, C’è bisogno anche di questo”.