Merate, in piazza la ‘marcia funebre’ per dire basta alla violenza sulle donne

Tempo di lettura: 3 minuti

Questa mattina, sabato, il flash mob di Ora Basta in piazza a Merate

120 figuranti hanno sfilato da piazza degli Eroi a piazza Prinetti per dire stop alla violenza sulle donne

MERATE – Hanno marciato sulle note di “Cum dederit” di Antonio Vivaldi dalla piazza degli Eroi fino a piazza Prinetti. Indosso abiti scuri e sul volto una mascherina nera con una croce rossa al centro. Poi, dopo aver sfilato tra le sagome di donne, le sedie e le scarpe rosse, posate sul pavimento in porfido, giunti all’ombra della Torre, hanno lanciato all’aria la mascherina e, alzando al cielo le mani colorate di rosso sangue, hanno gridato “Ora basta”, indossando poi un nuovo dispositivo di protezione individuale con riportato lo stesso motto.

Sono state 120 le persone che hanno dato vita questa mattina, sabato 27 novembre, al flash mob promosso da Ora Basta, gruppo di associazione riunite nella promozione della cultura del rispetto di genere, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. Un’iniziativa che è riuscita a calamitare l’attenzione delle tante persone presenti in piazza per gli acquisti del fine settimana o solamente per fare due passi, riportando al centro dell’attenzione, a pochi giorni dal 25 novembre, il tema della violenza di genere e delle tante, troppe, violenze subite dalle donne.

A marciare in piazza, al ritmo delle note cupe del maestro veneziano, insieme alle docenti Patrizia Bui, Cristina Ersilio e Cristina Mazza, anche gli studenti della 4BL e 5 CS del liceo Agnesi, che proprio in classe hanno potuto incontrare nei giorni scorsi Amalia Bonfanti, presidente dell’associazione L’altra metà del cielo, che si occupa di tutelare, accogliere, aiutare le donne in difficoltà attraverso sportelli di ascolto ed accoglienza, messa in protezione, case rifugio, raccolta derrate alimentari e molti altri servizi.

Presenti anche i rappresentanti di istituto del Viganò, accompagnati dalla professoressa Claudia Colombo, a dimostrazione di una fruttuosa collaborazione nata tra le scuole superiori del Meratese e il gruppo di associazione riunite in Ora Basta. Prova ne è la mostra e la conferenza allestite nei due istituti e anche la partecipazione al flash mob odierno, a testimonianza della volontà di coinvolgere e sensibilizzare anche le giovani generazioni.

La serie di iniziative promosse da Ora Basta si concluderà questa sera con lo spettacolo di danza contemporanea intitolato “Mai più” portato in scena dall’associazione Lei aps all’Auditorium Giusi Spezzaferri.