Merate: salta, a causa del Covid, la tradizionale fiera di Sant’Ambrogio

Tempo di lettura: 3 minuti
Bancarelle sotto la torre illuminata dalle proiezioni di Natale lo scorso anno a Merate

Lo ha annunciato il sindaco Panzeri, aggiornando i dati sull’epidemia da covid: sono 148 le persone attualmente positive

Martedì il mercato si svolgerà in piazza don Minzoni con la presenza solo delle bancarelle alimentari

MERATE – Annullata, causa Covid, la tradizionale fiera di Sant’Ambrogio, in programma come ogni anno durante la festività patronale di Merate il 7 e l’8 dicembre. A dare l’annuncio di una decisione dolorosa ma necessaria a causa dell’andamento dell’epidemia da coronavirus è il sindaco Massimo Panzeri: “In base a quanto previsto dall’ultimo decreto del presidente del consiglio dei Ministri non è possibile svolgere fiere o sagre. E’ vero che il provvedimento è in vigore fino al 3 dicembre, ma sarebbe impossibile mettere in moto ora la macchina organizzativa per predisporre un evento che al momento non è realizzabile. Penso che mai come in questo momento storico sia giusto muoversi su criteri prudenziali”. La Giunta valuterà invece nelle prossime settimane come procedere sul fronte dell’attribuzione delle benemerenze civiche, visto che sarà praticamente impossibile organizzare una cerimonia come gli scorsi anni.

148 gli attuali positivi

Del resto, anche i numeri, contenuti nel bollettino diramato ieri, 5 novembre, dalla Prefettura dimostrano una recrudescenza dell’infezione da Covid 19. Sono saliti a 148 i meratesi attualmente positivi al virus con un incremento di 26 persone dall’ultimo bollettino di pochi giorni fa.

“L’ultimo aggiornamento dei dati conferma l’andamento negativo generale – spiega Panzeri -.  Non ci sono nuovi decessi, ma aumentano i positivi, mentre i sottoposti a sorveglianza attiva sono sostanzialmente stabili, seppur si siano negativizzate, quindi guarite, un numero sensibile di persone, pari a 23”. 99 invece le persone sottoposte a sorveglianza attiva, di cui 17 di età inferiore ai 20 anni.

Il punto tamponi

Da settimana scorsa, è attivo presso le ex scuderie di Villa Confalonieri il punto tamponi”: “Preciso che è dedicato la mattina esclusivamente agli studenti ed al personale scolastico, mentre il pomeriggio ai casi individuati dall’Asst, che ne gestisce le prenotazioni”.

I volontari della Protezione civile in servizio al punto tamponi di vicolo Strecciolo

A seguito dell’entrata in vigore del nuovo Dpcm e dell’ordinanza del Ministero della Salute che ha classificato la Lombardia come zona rossa, sono entrate da oggi, venerdì, in vigore delle misure più restrittive. Da lunedì 9 novembre l’accesso agli Uffici Comunali potrà avvenire solo previo appuntamento telefonico o via mail, fatta eccezione per gli atti di nascita e di morte. Il Comune, attraverso i Servizi Sociali (contattabili direttamente al n. 039 5915342 – 348), è a disposizione per sostenere tutti coloro che dovessero trovarsi in difficoltà perché soli o privi di una rete di sostegno e aiuto.

Mercato in piazza don Minzoni

Da martedì 10 Novembre e fino a nuove disposizioni il mercato cittadino sarà limitato ai soli generi alimentari e, pertanto, allocato nella sola Piazza Don Minzoni.

Panzeri aggiunge: “Rinnovo sostegno e solidarietà agli esercizi commerciali costretti a sospendere le loro attività, augurandomi che le chiusure imposte siano il più possibile limitate. Solo con uno sforzo comune e un rinnovato senso di responsabilità potremo invertire la tendenza negativa e metterci nelle condizioni di allentare i provvedimenti restrittivi, soprattutto in prospettiva delle festività natalizie. Garantisco costanti aggiornamenti sull’evoluzione della situazione nel nostro territorio, che mi auguro possa presto migliorare”.