Il Pirellone si illumina per riportare a casa il piccolo Alvin

Tempo di lettura: 1 minuto
Il palazzo della Regione illuminato nei giorni scorsi con la scritta Free Alvin

Palazzo Pirelli illuminato con la scritta “Free Alvin”

Il piccolo è ancora bloccato in un campo profughi in Siria

BARZAGO – Da ieri sera, lunedì, Palazzo Pirelli a Milano è illuminato con la scritta “Free Alvin”. Un gesto che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sul caso del piccolo Alvin Berisha, bloccato in un campo profughi in Siria. Una vicenda iniziata nel 2014 quando la madre Valbona ha rapito il bambino, all’epoca di soli sei anni, e lo ha portato via dalla loro casa di Barzago per aderire alla jihad dell’Isis.

La proposta di illuminare Palazzo Pirelli, avanzata dal capogruppo di Forza Italia Gianluca Comazzi, ha trovato il consenso dell’Ufficio di Presidenza. Intanto la petizione on line lanciata dal papà di Alvin, Afrim, ha quasi raggiunto le 26mila firme: “Alvin si trova attualmente nel campo di Al-Hol in Siria, ha bisogno di cure mediche e di tornare dalla sua famiglia. La guerra nel nord della Siria ha aumentato le mie preoccupazioni – scrive papà Afrim -. Ho fiducia nel governo albanese e so che farà di tutto per portare a casa mio figlio. Allo stesso tempo chiedo che il Governo italiano e, in particolare, ai Ministeri degli Esteri e dell’Interno che mettano in campo tutte le azioni necessarie per consentire a mio figlio di tornare in Italia”.