Treni saturi e passeggeri ‘a piedi’, Straniero (PD): “Situazione da risolvere”

Tempo di lettura: 2 minuti

La segnalazione del consigliere regionale del PD sulle corse della tratta Milano Lecco via Molteno

“Studenti fatti scendere dal treno perché superava la capienza dell’80%, ma spesso i treni arrivano già saturi in stazione”

MOLTENO – Un episodio spiacevole e non l’unico, ma che denota una situazione che va risolta subito, secondo Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd.

“Martedì 13 ottobre alcuni studenti, utenti del servizio ferroviario regionale della tratta Lecco-Molteno, sono stati fatti scendere dal treno a causa del sopraggiunto raggiungimento del coefficiente massimo di capienza dell’80 per cento, costringendo gli interessati e le loro famiglie a soluzioni alternative e improvvisate, creando un evidente disagio – spiega Straniero in un’interrogazione a risposta scritta –. Ma l’episodio non costituisce un evento isolato sulle linee Milano-Monza-Molteno-Lecco e Como-Lecco: è già successo che i treni arrivino nelle stazioni con la capienza già satura, costringendo i pendolari ad attendere il convoglio successivo, se non anche a dover cercare un passaggio in auto”.

E come decide, il personale, di far scendere gli uni anziché gli altri? “L’identificazione degli utenti non avviene applicando il criterio prioritario della verifica del possesso del titolo di viaggio, che sarebbe il migliore e potrebbe essere adottato facilmente con l’installazione di tornelli di accesso nelle stazioni lombarde”, fa presente Straniero.

Di fatto, per il consigliere Pd è evidente che “le misure di potenziamento del servizio di trasporto ferroviario a oggi adottate risultano insufficienti al fine di garantire il diritto alla mobilità, soprattutto con le corse maggiormente frequentate”.

Per questo chiede al presidente e all’assessore competente di sapere “se Regione Lombardia sia a conoscenza dei disservizi sulla linea Como-Molteno-Lecco; quali azioni siano già state intraprese al fine di predisporre un’adeguata riorganizzazione e riprogrammazione dei servizi di trasporto pubblico, segnatamente di trasporto scolastico, sulle linee ferroviarie Milano-Monza-Molteno-Lecco e Como-Lecco; se Regione Lombardia ritenga adeguato l’attuale livello di servizi di trasporto scolastico erogato in provincia di Lecco, con riferimento in particolare al servizio di trasporto pubblico ferroviario erogato da Trenord; quale sia lo stato di avanzamento del programma di introduzione dei tornelli nelle stazioni lombarde; quali migliorie si intendano attuare per evitare il protrarsi dei disagi segnalati”.