Ad Airuno il primo mercato della Fase 2, ingressi controllati e distanze

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Comune di Airuno sperimenta per primo nel lecchese la riapertura del mercato

Meno banchi (solo alimentari) e distanziati, prova ‘febbre’ all’ingresso

AIRUNO – Tornano le bancarelle degli ambulanti nel lecchese e il primo Comune ad accogliere il ritorno del mercato è Airuno, mercoledì mattina. E’ il primo giorno di sperimentazione deciso da Regione Lombardia dell’apertura dei mercati sul territorio lombardo con misure di sicurezza per tutelare operatori e cittadini.

L’ingresso al mercato di Airuno

Un solo varco d’ingresso e un varco di uscita presidiati dalla Polizia Locale e dai volontari della Protezione Civile che, all’entrata, misurano la temperatura corporea con gli appositi termometri laser.

Termometri laser per provare la ‘febbre’ a quanti accedono

I banchi sono stati distanziati, operazione più semplice ad Airuno dove degli otto stand del mercato originale, solo tre sono di vendita alimenti e sono stati posizionati lungo il percorso. Più complicato sarà altrove, dove le bancarelle sono più numerose. Venerdì dovrebbe tenersi il mercato a Oggiono mentre dal 4 maggio via libera al mercato alimentare in tutti i Comuni della provincia.